HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoOmicidi in FamigliaAmit Verma, uccide moglie e figlie per non aver avuto un figlio maschio

Amit Verma, uccide moglie e figlie per non aver avuto un figlio maschio

di

Amit VermaAmit Verma, questo è il nome del marito violento autore del triplice omicidio in cui a perdere la vita sono state tre vittime innocenti. La causa? Un erede maschio tanto desiderato non ancora arrivato

Due bambine e la loro mamma sono state uccise da un uomo, ma soprattutto da un padre padrone che non ha mai accettato l’idea di non avere un figlio di sesso maschile. Il caso è avvenuto alla periferia di New Delhi.

La prima vittima dell’esecuzione portata a termine da Amit Verma, è stata la moglie che è stata strangolata con una sciarpa. Poco dopo l’uomo si è accanito su Tannu e Mannu, le sue due figlie di soli 2 anni e sei mesi, soffocandole con un cuscino. Al momento il padre assassino è ricercato dalla polizia.

Un figlio maschio mai nato è stato la causa di questa tragedia. Amit Verma ha sempre creduto che la moglie fosse l’unica colpevole della nascita delle due bambine dal sesso poco desiderato e apprezzato dall’uomo. Negli ultimi mesi Verma avrebbe addirittura chiesto un aumento della dote pattuita al momento del matrimonio.

A far nascere queste tragedie familiari sono spesso culture e credenze popolari diverse in cui le donne sono viste come oggetti, come corpi obbligati a mettere al mondo figli maschi o come simboli di un accordo economico stipulato tra le famiglie con matrimoni combinati molto spesso tra bambine ed uomini adulti. I sogni e le ambizioni di queste donne sono sempre subordinate al volere del loro uomo.

Insomma, sposare l’uomo che si ama è quasi proibito. In Pakistan negli ultimi giorni è stata consumata proprio una tragedia a causa di un matrimonio mai accettato dai genitori della vittima.

Ad essere lapidata pubblicamente è stata una ragazza di 25 anni, che incinta di quell’uomo che tanto amava è stata uccisa dal padre e dal fratello in nome dell’onore.

Lascia un commento

Back to Top