HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsAncora una donna data alle fiamme: 22enne bruciata dall’ex fidanzato

Ancora una donna data alle fiamme: 22enne bruciata dall’ex fidanzato

di

Ylenia Grazia Bonavera è la ragazza di 22 anni che nelle ultime ore è stata bruciata dal suo ex fidanzato, il quale ha deciso di vendicarsi in un modo orribile. La vicenda si è consumata a Messina

Ha aperto la porta di casa dopo aver sentito suonare il campanello, ha notato il suo ex fidanzato e in un momento sarebbe stata raggiunta da del liquido infiammabile, gettato su di lei proprio dall’ex. Sono bastati soltanto pochi secondi e Ylenia Grazia Bonavera è diventata una torcia umana.

Il ragazzo è subito scappato mentre la 22enne ha cercato disperatamente aiuto. All’arrivo in ospedale la sua condizione era davvero critica, ma la giovane vittima pare essere sopravvissuta alle fiamme, riportando però gravi ustioni sul parte del corpo.

Una storia simile a tante altre, un altro tentato femminicidio che ha sconvolto tutti. Eppure, nonostante tutto, Ylenia Grazia Bonavera pare voler difendere colui che le avrebbe dato fuoco: “Non è stato lui, hanno arrestato un innocente”, avrebbe gridato dal suo letto d’ospedale.

La pensa diversamente la Procura di Messina, per la quale il 24enne, accusato di tentato omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà, è assolutamente colpevole.

A parlare a riguardo è stata la madre di Ylenia Grazia Bonavera: “Ha cercato di spegnere le fiamme con le mani, poi ha avuto la forza di chiamare la vicina di casa. Le ho detto di denunciarlo ma lei ora dice che non è stato lui…non lo so…ma se lui ora è in carcere vuol dire che ha fatto qualcosa. Voglio la verità”.

“Quando erano ancora fidanzati – continua la donna – lui mi sembrava innamorato di Ylenia, le voleva bene. Io ero felice perché lui era un ragazzo che amava moltissimo stare in casa, non gli piaceva uscire e andare in discoteca. Ero contenta. La verità è che non si riesce mai a conoscere fino in fondo una persona”.

Secondo il racconto di alcuni vicini, i due litigavano spesso e Ylenia si lamentava per la sua eccessiva gelosia: “Lei lo ha lasciato ma lui continuava a tempestarla di telefonate, a volte la implorava, altre la minacciava per tornare insieme, ma Ylenia ha resistito”.

A parlare invece delle condizioni della ragazza dopo l’aggressione è stato il primario di Chirurgia plastica del Policlinico di Messina: “E’ sotto shock, ma le condizioni di salute sono buone. Ha ustioni di primo e secondo grado sul 13% del corpo. Le ferite sono al fianco, la caviglia e la mano destra e la coscia sinistra. La prognosi è riservata a scopo cautelativo per 48 ore, ma la ragazza è cosciente e non è in pericolo di vita“.

Da: Tgcom24

Lascia un commento

Back to Top