HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiAndrea Marcomin, Cledie Aparecida De Paula lo ucccise durante un gioco erotico, 14 anni di carcere
gioco erotico

Andrea Marcomin, Cledie Aparecida De Paula lo ucccise durante un gioco erotico, 14 anni di carcere

di

Alla brasiliana Cledie Aparecida De Paula è stato riconosciuto un vizio parziale di mente, anche se dovrà risarcire i parenti della vittima

gioco eroticoE’ stata condannata a 14 anni di reclusione dalla Corte di Assise di Rovigo , a fronte dei 21 chiesti dal pm Fabrizio Suriano, la 45enne brasiliana Cledie Aparecida De Paula, 45 anni, accusata di aver ucciso nell’ottobre 2012 Andrea Marcomin, 52 anni e postino in pensione.

Il delitto avvenne nel monolocale nel quale la donna si prostituiva: l’uomo venne dapprima colpito con la gamba del letto, smontata in precedenza, e poi soffocato. E fu la stessa donna a dare l’allarme e confessare quanto accaduto, chiamando prima un medico dal quale era in cura e poi i carabinieri. Ecco perché la corte ha parzialmente dato ragione alla difesa, rappresentata dagli avvocati Anna Osti e Lorenza Munari, che chiedevano di escludere la premeditazione e riconoscere al contempo il vizio parziale di mente.

Così la donna, una volta finito di espiare la pena, dovrà affrontare tre anni di ricovero in una struttura di cura come misura di sicurezza. In più la donna ha già trascorso 21 mese in carcere, quindi tra attenuanti e buona condotta tra una decina d’anni potrebbe essere fuori. Però è stata anche

condannata a risarcire le parti civili, ossia il figlio e l’ex moglie dell’uomo oltre ai due fratelli. Provvisionalmente sono state stabilite cifre pari a 40 mila euro al figlio, 15 mila alla ex moglie e 10 mila a testa per ognuno dei due fratelli.

La difesa per ora esulta, ma è possibile che la Procura chieda un processo d’appello una volta lette le motivazioni della sentenza.

Lascia un commento

Back to Top