HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaAnna Concetta De Sanctis, uccisa dalla figlia e dal genero

Anna Concetta De Sanctis, uccisa dalla figlia e dal genero

di

Anna Concetta De Sanctis era stata ritrovata senza vita lo scorso 11 dicembre  nei pressi di un cantiere. Ad ucciderla per avidità sono stati la figlia 39enne Daniela Angela Albano e il genero Gianni D’Agostino di 44 anni

I due assassini di Anna Concetta De Sanctis sono entrambi disoccupati e con due figli piccoli da dover mantenere. Avrebbero così giustificato l’omicidio: “L’abbiamo strangolata perché non ci dava più soldi e vivere con lei era diventato impossibile”.

L’assassinio della donna era certamente premeditato ed era stato pianificato  in ogni dettaglio nei primi giorni di dicembre, a causa di una forte mancanza di denaro tanto che il procuratore aggiunto Alberto Nobili ha definito questo delitto: “Un omicidio di avidità e miseria morale”.

Daniela e Gianni non lavorano e per questo vivevano solo grazie alla pensione da ex operaia di Anna Concetta De Sanctis, una per la reversibilità del marito e al pigione di una casa di proprietà della donna che era in affitto.

Il giorno prima di ammazzarla, la coppia avrebbe anche preso tutti i gioielli della vittima, che quest’ultima custodiva in una cassaforte per poterli vendere ad un compro oro per 5.500 euro.

anna concetta de sanctisQuando Anna Concetta De Sanctis si accorge del furto, chiede spiegazione e da lì l’idea di poterla finalmente uccidere.

La mattina del 5 dicembre la figlia e la vittima, vanno a giocare alle slot, dove una telecamera le inquadra. Poi tornano per il pranzo, e insieme al genero inizia una lunga lite. Chiudono la figlia di un anno in camera, narcotizzano Anna Concetta De Sanctis e la strangolano indossando dei guanti, per non lasciare impronte.

Nella notte avrebbero poi nascosto il cadavere, e l’indomani della scoperta del corpo, avrebbero poi tentato di incolpare l’albanese che ha dato l’allarme del ritrovamento per depistare le indagini.

Il comandante provinciale dei carabinieri ha dichiarato: “È piuttosto triste che in un contesto familiare particolarmente segnato da problemi economici possa svilupparsi sotto Natale una vicenda di questo genere. Le indagini si sono sviluppate secondo un metodo classico e sfruttando le modalità scientifiche sono riuscite a dimostrare la realtà delle cose.”

Lascia un commento

Back to Top