HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsAnnuncia il suicidio sui social e si lancia sotto un treno
suicidio treno

Annuncia il suicidio sui social e si lancia sotto un treno

di

Un 19enne di Somma Vesuviana ha annunciato il suicidio su Facebook inviando un messaggio ai suoi amici. Pochi istanti prima che arrivasse un convoglio della Circumvesuviana si è steso sui binari e si è lasciato travolgere. Il macchinista non è riuscito a frenare perché si trovava in curva e l’ha visto solo all’ultimo momento.

suicidio trenoIl macabro annuncio del suicidio è avvenuto su Facebook con questo messaggio: «Non cercatemi più, è arrivato il mio turno». Gli amici sono ancora increduli per quanto accaduto e hanno raggiunto la stazione di Mercato Vecchio tutti insieme. Il convoglio della Circumvesuviana stava per fermarsi per far salire e scendere i passeggeri, ma la sua corsa è stata frenata dal corpo del giovane 19enne che si è adagiato sulla linea ferrata con l’intento di mettere fine alla sua vita, riuscendoci. Aveva programmato tutto, anche la curva cieca e l’impossibilità per il macchinista di evitare la frenata.

«Ho voluto bene a tutti, il mio turno è arrivato», parole dure, scolpite sugli schermi di smartphone e tablet, tra una foto sorridente e una barzelletta, da cui traspare tutto il disagio del giovanissimo Raffaele.

Frequentava l’ultimo anno delle scuole superiori e al mattino aveva deciso di non andare a scuola. Durante il pomeriggio ha trovato una scusa per uscire di casa, convincendo la nonna con cui viveva dopo la separazione dei genitori, che stesse andando dal professore per le solite ripetizioni private. Nonostante l’apparente serenità, il ragazzo soffriva molto per la separazione a causa della quale la madre aveva dovuto spostarsi al nord per lavorare.

Il suicidio del 19enne si è verificato a pochi giorni di distanza da un altro avvenuto sulla Linea 1 della metro che collega il centro della città di Napoli alla periferia di Piscinola. Purtroppo anche per lei non c’è stato nulla da fare ed è morta sul colpo.

Fonte: Repubblica (Napoli)

Lascia un commento

Back to Top