HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsAntonella, trovata in casa con il cranio sfondato: si è difesa fino alla fine

Antonella, trovata in casa con il cranio sfondato: si è difesa fino alla fine

di

Antonella Lettieri, 42enne commessa in un negozio di alimentari, è stata trovata priva di vita nell’appartamento in cui viveva sola a Cirò Marina. Per il momento l’omicidio della donna resta con tante domande e ben poche risposte

Il 7 marzo aveva compiuto 42 anni, il giorno seguente, l’8 marzo, è stata uccisa con estrema crudeltà da qualcuno che l’ha probabilmente colpita ripetutamente con un oggetto appuntito.

A trovare il corpo privo di vita della donna è stato il fratello, preoccupato di non aver nè visto nè sentito la sorella, la quale non si era presentata a lavoro.

L’abitazione della 42enne sarebbe stata trovata a soqquadro: si tratterebbe dunque di una rapina finita male o di un tentativo di depistaggio? Da una prima ispezione cadaverica inoltre, è emerso un particolare inquietante: Antonella Lettieri durante l’aggressione avrebbe tentato di difendersi con tutte le sue forze. La domanda sorge spontanea: la vittima conosceva o meno il suo aggressore? Non è escluso però, che sotto le unghie della donna possano esserci tracce dell’assassino, che potrebbe avere le ore contate.

Adesso sono troppe le domande a cui dare una risposta, per il momento l’unica cosa certa è che questo è stato un omicidio efferatissimo di cui nessuno avrebbe visto o sentito niente. Le indagini infatti, sembrerebbero andare avanti nell’omertà di chi avrebbe potuto udire qualcosa ma non lo dice: l’aggressione sarebbe stata fin troppo lunga e violenta per iniziare e concludersi in pieno silenzio.

A parlare a riguardo è stata la nipote di Antonella Lettieri, che alle telecamere di Pomeriggio 5 ha dichiarato: “Non posso vivere senza sapere chi l’ha uccisa. Voglio illudermi che un giorno riusciremo a portare avanti la lotta contro la violenza sulle donne”.

Lascia un commento

Back to Top