HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsAurora Marino, uccisa con 50 coltellate. Fermato il presunto assassino: avrebbe confessato

Aurora Marino, uccisa con 50 coltellate. Fermato il presunto assassino: avrebbe confessato

di

Aurora MarinoAurora Marino è stata uccisa a coltellate ed è stata poi avvolta in una coperta. Il suo corpo senza vita è stato rinvenuto in un appartamento a Morcone, in provincia di Benevento. Il presunto assassino è stato fermato ed avrebbe inoltre confessato di essere stato l’autore dell’omicidio

Aurora Marino, assicuratrice di 51 anni, era scomparsa da qualche giorno. Nessuno aveva più notizie della donna da quando era uscita da casa della madre per fare alcune commissioni.

Dopo aver ricevuto una regolare denuncia per scomparsa emessa dai familiari della donna, gli esperti in breve tempo hanno trovato il suo corpo senza vita in un appartamento in cui probabilmente la vittima incontrava di nascosto il suo amante, Damiano Di Michele, 35enne del posto, separato e attualmente convivente con una giovane donne da cui aspetta un figlio.

Secondo il medico legale che ha eseguito l’autopsia sul corpo della 51enne l’omicidio si sarebbe consumato martedì 13 gennaio.

Aurora Marino è stata probabilmente uccisa per questioni passionali. La donna infatti, sembra che stesse per rendere pubblica la sua relazione con quell’uomo già impegnato che però non aveva alcuna intenzione di lasciare la sua compagna incinta. E’ proprio per questo motivo che i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita e quelli del Nucleo Investigativo di Benevento hanno fermato nella notte Damiano Di Michele, il 35enne ritenuto al momento l’unico possibile responsabile dell’omicidio di Aurora Marino.

L’uomo durante l’interrogatorio durato qualche ora, avrebbe confessato di essere l’autore dell’omicidio. Di Michele avrebbe ucciso la 51enne con 30 coltellate, avrebbe avvolto il cadavere in una coperta di tela con l’intenzione di disfarsene in breve tempo. Quest’ultimo avrebbe poi bruciato nel camino della sua abitazione alcuni indumenti insanguinati e si sarebbe disfatto anche del suo telefono cellulare.

Il tutto resta però da confermare ed inoltre, bisogna chiarire e ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

Lascia un commento

Back to Top