HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti StradaliBimbo di 3 anni ucciso da pirata della strada: la straziante lettera del suo funerale

Bimbo di 3 anni ucciso da pirata della strada: la straziante lettera del suo funerale

di

bimbo investitoE’ stato investito a soli 3 anni da un pirata della strada che non è tornato indietro a prestare soccorso. Al funerale del piccolo, l’impresario funebre che ha aiutato la famiglia ad organizzare l’ultimo saluto del bimbo, ha voluto lasciare un messaggio all’assassino

Lo ha travolto, lo ha ucciso e non è stato ancora scoperto. A sperare che il pirata della strada, che ha causato la morte di un piccolo di 3 anni del Texas, è anche Robert Falcon, impresario funebre che ha organizzato l’addio del bimbo. E’ per questo che Robert ha pubblicato un lungo post su Facebook, commovente ma anche accusatorio: “Sono stato l’ultimo a vedere il suo corpo prima di chiudere la bara questo pomeriggio e l’ho portato nel luogo dove riposerà per sempre. E l’ho fatto per colpa TUA”

Le parole che seguono solo molto crude e tristi: “Oggi ho organizzato un funerale che non doveva essere celebrato. Domenica hai investito questo bambino e hai continuato a guidare lungo Cameron Rd. Ho passato tutta la notte del lunedì e parte della mattinata di martedì a ricomporre il bambino perché sua madre e suo padre potessero vederlo, e questo per causa tua. Voglio che tu veda queste foto e voglio che tu sappia quanto sia forte il mio dolore nel sapere che hai investito un bimbo senza fermarti per prestare soccorso. Che gesto sconsiderato. Ho dovuto ascoltare il pianto di una madre e di un padre che litigavano con Dio oggi perché hai tolto loro un figlio”.

Robert conclude il messaggio con un invito: “L’ho vestito con un completo nero, camicia bianca e papillon, poi l’ho messo nella bara bianca circondato dagli angeli. Ero lì quando i suoi genitori quando l’hanno visto per la prima volta ieri e ho pianto con loro. Io ho fatto il mio dovere. Ora è il tuo turno. Costituisciti“.

Fonte: IlMattino.it

Lascia un commento

Back to Top