HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsPerde il figlio durante una fiera e si inventa che è stato rapito da un rom

Perde il figlio durante una fiera e si inventa che è stato rapito da un rom

di

I  carabinieri hanno scoperto la menzogna del padre di Borgaro: aveva perso il figlio alla fiera di paese e temeva di essere denunciato per abbandono di minore, Ora rischia molto di più

5b3703cf21f336866381deaa75f9b47f5cf7f09d801f925cbe3e6ca7“Non posso davvero creder che mio marito si sia inventato tutto, non ce n’era motivo”. E’ tra lo sconsolato e l’incredulo la reazione della mamma di Borgaro, in provincia di Torino, perché ora sa che suo figlio non era stato rapito da un bruto durante la festa del paese. E’ il marito, Alex Giarizzo, che si è inventato tutto, almeno secondo gli investigatori.

Tutto è cominciato domenica: la coppia passeggiava per le via del paese con il figlio di due anni e mezzo quando in un momento di distrazione il bimbo e un amichetto, suo coetaneo, sono spariti. Immediato i panico, la ricerca in mezzo all’altra gente, gli appelli al microfono sino a quando non è stato ritrovato l’altro piccolo che ha detto di aver visto un uomo con il bambino in braccio. I genitori si sono divisi, il padre dopo una lunga ricerca ha trovato il sequestratore, lo ha rincorso e picchiato con un pugno prima di liberare il figlio e di vedere l’adulto fuggire su una macchia guidata da una donna.

Tutto frutto della sua fantasia, perché non ci sono riscontri. La verità è venuta fuori nei lunghi interrogatori davanti ai carabinieri: mostrandogli una serie di foto segnaletiche, l’uomo aveva riconosciuto con certezza il sequestratore in un rom che però è da tempo in carcere. In più le telecamere presenti in zona non avevano ripreso nulla di quanto raccontasse il padre e non c’erano testimoni reali. Così alla fine, messo alle strette, ha confessato: “E’ vero, mi sono inventato tutto”. E ora è accusato di calunnia, procurato allarme e abbandono di minore.

L’ipotesi più probabile è che semplicemente si sia distratto perdendo di vista il piccolo e sia andato nel panico pensando che avrebbero potuto denunciarlo e intervenire gli assistenti sociali, ma c’è anche la possibilità che soffra di mitomania. In ogni caso la moglie è con lui: “Ho visto gonfiarsi la mano con cui ha picchiato quell’uomo, mi ha detto di aver inseguito quell’uomo, di averlo visto scappare su una Renault grigia. Chi ha visto ora deve parlare”. Invece nessuno ha visto perché non c’era nulla da vedere

Lascia un commento

Back to Top