HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
UltimissimeBullismo Pordenone: ragazzina di 12 anni si getta dal balcone, ai compagni scrive “Adesso sarete contenti”

Bullismo Pordenone: ragazzina di 12 anni si getta dal balcone, ai compagni scrive “Adesso sarete contenti”

di

Una 12enne di Pordenone si è lanciata dal secondo piano della sua abitazione. Ha scritto una lettera ai genitori per scusarsi, a spingere la ragazza a farla finita gli episodi di bullismo che era costretta a subire. Sulla scrivania anche una lettera per i compagni di classe: «Adesso sarete contenti».

ambulanzaLa ragazzina che ha tentato il suicidio questa mattina a Pordenone, lanciandosi dal balcone, è salva per miracolo. Le sue condizioni non sono gravi anche se è stata trasportata presso l’ospedale di Udine per via dei traumi agli arti inferiori. Dietro il folle gesto della dodicenne potrebbe esserci il bullismo. Sulla sua scrivania sono state trovate due lettere, di cui una per i genitori e l’altra indirizzata ai compagni di classe dove vi sarebbe scritta questa frase: «Adesso sarete contenti».

La discesa della ragazzina è stata frenata dal tapparella del piano di sotto, i soccorsi sono stati immediati e pare che sia rimasta sempre cosciente. Ai medici del 118 e alla madre ha continuato a parlare dei rapporti tesi con i compagni di scuola. È stata la madre a scoprire cosa era successo quanto è entrata nella sua camera e ha visto la finestra aperta.

Questa decisione è maturata nel tempo, dunque il lavoro degli inquirente sarà lungo, per cercare di stabilire da quanto tempo la ragazzina era vittima di bullismo. Le lettere lasciate sulla scrivania sarebbero state scritte qualche giorno fa. Da circa una settimana la 12enne era a casa per via di un’infezione alle vie respiratorie. La scientifica e la polizia postale ha sequestrato il cellulare e il computer in uso alla ragazza per analizzare i messaggi e le attività social.

Secondo una ricerca di LibreItalia Onlus riportata da Reti Solidali, il bullismo colpisce quei ragazzi che frequentano poco gli amici. Gli agenti infatti cercano di ricostruire l’ultima settimana della ragazzina, quella in cui sarebbe stata assente da scuola, per capire cosa è successo. Le ragazze vittime di bullismo sono più dei ragazzi e purtroppo è un fenomeno in evoluzione e che si adegua ai nuovi mezzi di comunicazione, tanto che spesso sentiamo parlare di cyber-bullismo. Solo la collaborazione tra scuola, famiglie ed educatori può contenere il fenomeno, perché il bullismo è una piaga sociale che non si combatte con le leggi e nemmeno con il proibizionismo.

Fonte: Repubblica

Lascia un commento

Back to Top