HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidi in FamigliaCarlo Lissi, uccise moglie e figli per un’altra: “Merito il carcere a vita”

Carlo Lissi, uccise moglie e figli per un’altra: “Merito il carcere a vita”

di

Carlo Lissi ha ucciso la moglie e i suoi due figli di 5 anni e 20 mesi. Una tragedia per la quale è stato condannato in primo grado all’ergastolo, pena che l’uomo, reo confesso, ritiene più che giusta

Carlo Lissi uccise moglie e figli perchè avrebbe voluto divorziare, ma temeva le conseguenze sociali. L’informatico di Motta Visconti, pensò dunque che sterminare la propria famiglia, simulando in seguito una rapina finita male, potesse finalmente renderlo libero: “Non ero contento – raccontò l’omicida il 16 giugno di due anni fa – avevo pensato di divorziare, e poi quel giorno lì mi è venuto un raptus, diciamo che non avevo il coraggio di chiederglielo e ho pensato di… di liberarmene così. (…) Il giorno della partita ho pensato che poteva essere il momento”.

Adesso, dopo la condanna all’ergastolo, come scrive il Corriere della Sera, l’uomo avrebbe fatto sapere ai giudici che rinuncerà all’appello: “Nessun giudice ricorda in vita sua di essersi mai imbattuto in un imputato che, dopo essere stato condannato in Tribunale all’ergastolo, rinunci al ricorso già presentato in Appello; chieda scusa ai magistrati per il disturbo e il tempo fatto perdere; e lasci passare in giudicato la sentenza di “fine pena mai”.

Carlo Lissi pare voler accettare le conseguenze di quanto terribilmente ha compiuto, tanto da aver depositato spontaneamente una “richiesta di rinuncia, considerando congrua la condanna inflittami in primo grado e scusandomi per la perdita di tempo. Fiducioso in un favorevole accoglimento, porgo i più distinti saluti. In fede, Carlo Lissi”.

Lascia un commento

Back to Top