HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsCarlo Pavone è morto, l’assassino dovrà rispondere all’accusa di omicidio premeditato volontario

Carlo Pavone è morto, l’assassino dovrà rispondere all’accusa di omicidio premeditato volontario

di

carlo pavoneL’ingegnere Carlo Pavone è morto, era in coma da oltre un anno. La sua tragedia era iniziata il 30 ottobre del 2013 quando fu improvvisamente raggiunto alla testa da un colpo di arma da fuoco

La sorella di Carlo Pavone è stata informata della morte dell’uomo con una telefonata ricevuta dall’ospedale: “Carlo Pavone è morto”.

Adele Pavone ora vuole giustizia: “Mio fratello Carlo è stato una roccia ma, adesso, questa tragedia che ha colpito la mia famiglia deve trovare giustizia”.

L’uomo, marito di Raffaella D’Este e padre di due figli piccoli, dopo essere sparato alla testa con una calibro 9 era entrato in coma. A sparargli fu Vincenzo Gagliardi, dipendente delle Poste, che fu accusato del tentato omicidio avvenuto in via De Gasperi a Montesilvano.

Carlo Pavone era da oltre un anno ricoverato nel reparto di Rianimazione in coma vegetativo. La sua normale, serena e comune vita era purtroppo cambiata da quella sera del 30 ottobre. La vittima venne trovata accasciata davanti la sua abitazione vicino al cassonetto dell’immondizia. In un primo momento sembrò trattarsi di un malore, ma una volta in ospedale si scoprì l’amara verità: nella sua testa era conficcato un proiettile.

Con la morte di Carlo Pavone la posizione di Gagliardi potrebbe aggravarsi, il suo capo d’imputazione infatti, potrebbe trasformarsi in omicidio premeditato volontario. L’assassino potrebbe inoltre essere punito con l’ergastolo. Sarà la Corte d’Assise a decidere la sua sorte.

Il movente dell’omicidio è forse riconducibile ad un regolamento di conti o da motivi passionali: Gagliardi, arrestato il 28 maggio dai carabinieri di Pescara sul posto di lavoro, era impegnato in una relazione proprio con la moglie della vittima. Nei suoi interrogatori l’uomo ha sempre detto però di aver avuto solo un’incontro con Raffaella D’Este.

Dopo un mese dall’attentato Gagliardi ha raccontato al suo avvocato di essere dispiaciuto: “E’ dispiaciuto per l’ingegnere in coma, ma lui non c’entra nulla”.

Lascia un commento

Back to Top