HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidi di camorra del 2003 ad una svolta
camorra

Omicidi di camorra del 2003 ad una svolta

di

Gli inquirenti hanno identificato i mandanti e gli esecutori materiali di quei due delitti dei Nino e dei La Montagna e hanno fatto scattare le manette.

E’ stata effettuata un’importante operazione dei carabinieri del nucleo Investigativo di Castello di Cisterna che durante le prime ore di oggi hanno messo in arresto ben quattro persone che erano state ritenute vicine ai clan della camorra dei Nino e dei La Montagna, che erano molto attivi nelle aree del Vesuvio e del Nolano.camorra

Sono molto dure e pesanti le accuse che sono state rivolte ai quattro i quali devono rispondere a vario titolo di omicidio, detenzione e anche porto illegale di armi con finalità mafiose.

Le indagini che hanno condotto all’arresto dei quattro hanno poi permesso di fare molta chiarezza sui due omicidi che sono stati compiuti nel maggio 2013 nel Nolano.

Le due persone, che erano vicine al clan dei Nino, furono uccise perchè non avevano mai versato nelle casse dell’organizzazioni i proventi delle proprie attività estorsive compiute proprio per conto dei Nino.

Gli inquirenti hanno poi quindi identificato i mandanti e gli esecutori materiali di quei due delitti, finiti in manette oggi.

Parliamo di brutti eventi quelli che si sono registrati oggi dAL nucleo Investigativo di Castello di Cisterna che proprio in quseta lunga giornata hanno arrestato ben quattro persone che erano state considerate molto vicine ai clan della camorra dei Nino e dei La Montagna, che erano molto attivi nelle aree del Vesuvio e del Nolano.

Le accuse sono  molto dure e pesanti e sono state rivolte ai quattro i quali devono poi rispondere a vario titolo di omicidio, detenzione e anche porto illegale di armi con finalità mafiose.

Le indagini che hanno portato all’arresto dei quattro hanno poi fatto chiarezza sugli omicidi che sono stati compiti nel maggio del 2013 nel Nolano.

Tags:

Lascia un commento

Back to Top