HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsCaso Antonietta Gisonna: “L’assassino affondava la lama e poi la trascinava per lacerare il corpo”

Caso Antonietta Gisonna: “L’assassino affondava la lama e poi la trascinava per lacerare il corpo”

di

Svelata l’identità della donna che nei giorni scorsi è stata decapitata a Milano. Si tratta di Antonietta Gisonna, 51enne di origini napoletane, che è stata uccisa da Carlos Julio Torres Velesaca, un trans ventenne fermato nelle ultime ore dagli esperti

Antonietta GisonnaUn efferato omicidio quello di Antonietta Gisonna e a raccontarlo è stata la sua vicina. Secondo quanto pubblicato dal Corriere, a svegliare i figli della donna sono state le urla che provenivano dal secondo piano. E’ proprio in quei momenti che infatti si è consumato il delitto della 51enne: “Una lotta furibonda, i mobili che cadevano, lei che gridava di chiamare i carabinieri. Poi il silenzio. Abbiamo sentito un rumore strano, come se qualcuno stesse trascinando qualcosa. Poi abbiamo guardato il soffitto e da sopra sono iniziati quei colpi”. Parole che sembrerebbero descrivere scene di un film horror ma che purtroppo rappresentano la sola e cruda realtà.

Antonietta Gisonna è stata uccisa da Carlo Julio Torres Valesaca che con un coltello da cucina l’ha ripetutamente colpita al collo fino a quando la testa non si è staccata dal resto del corpo per poi lanciarla da una finestra.

Un altro testimone di questo brutale omicidio ha visto tutto dal suo appartamento al quinto piano di un palazzo vicino a quello in cui è avvenuta la tragedia. Quest’ultimo ha visto due donne litigare e poi la decapitazione in diretta: “Vedevo distintamente che affondava la lama e poi la trascinava per lacerare il corpo”.

Il trans è stato così arrestato e per il momento è rinchiuso nel carcere di San Vittore accusato di omicidio volontario aggravato. Non è ancora chiaro il perchè di tutto questo. La 51enne aveva avuto un passato legato al mondo della droga, è chiuso in questa storia il movente del delitto?

Antonietta Gisonna, conosciuta anche come Antonella, frequentava inoltre numerosi uomini ma mai nessuno si era accorto di quel via vai di clienti: “Li conosceva via chat, selezionava i clienti. Non era certamente una donna debole. Era gentile, parlava con tutti”.

Lascia un commento

Back to Top