HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsCaso Crocco, nuove accuse al nipote della vittima: “Ha premeditato il delitto”

Caso Crocco, nuove accuse al nipote della vittima: “Ha premeditato il delitto”

di

albano-croccoArrivano nuove accuse per Claudio Borgarelli, nipote di Albano Crocco, il pensionato trovato morto e decapitato in un bosco. Secondo gli esperti, il delitto sarebbe stato premeditato

L’omicidio di Albano Crocco sarebbe stato studiato a tavolino, forse per vendetta. Per gli esperti, il delitto, oltre che premeditato, sarebbe “aggravato da futili motivi legati all’utilizzo di un sentiero”, di proprietà del presunto assassino.

Peggiorerebbe quindi la posizione di Claudio Borgarelli, nipote della vittima, il quale avrebbe agito con un secondo fine: “Borgarelli – scrivono gli inquirenti – ha cagionato la morte di Albano Crocco, prima colpendolo alle spalle con un’arma da fuoco a pallini e poi tagliandogli la testa con un’arma bianca, facendola poi sparire. Con le aggravanti del fatto commesso con premeditazione e per futili motivi, legati all’utilizzo di un sentiero in zona boschiva di proprietà del Borgarelli stesso”.

Aumenterebbe di conseguenza anche la delusione e il dolore della figlia di Albano, sentitasi tradita dal cugino, con il quale ha trascorso alcuni momenti importanti e spensierati della sua vita: “Mi sento tradita due volte: noi non siamo solo parenti, ma anche amici, perché condividiamo l’hobby del treeking con i cani. Quando venivo a Craviasco, uscivo sempre nel bosco con lui”.

Da: www.ilsecoloxix.it

Lascia un commento

Back to Top