HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCaso Elisa Claps: condannato il genetista che eseguì la perizia sul Dna
Caso Elisa Claps: condannato il genetista che eseguì la perizia sul Dna

Caso Elisa Claps: condannato il genetista che eseguì la perizia sul Dna

di

Continua a far discutere il caso di Elisa Claps, di pochi giorni fa la notizia della condanna del genetista che eseguì la perizia sul Dna rinvenuto sugli abiti della ragazza escludendo che potesse appartenere a Danilo Restivo.

Caso Elisa Claps: condannato il genetista che eseguì la perizia sul DnaÈ arrivata la condanna per Vincenzo Pascali, il genetista che si occupò dell’analisi del Dna rinvenuto sui vestiti di Elisa Claps. Come riporta Fanpage la seconda sezione del Tribunale di Salerno lo ha condannato a 1 anno 6 mesi, pena sospesa. Il reato contestato è quello di falso in perizia. Pascali è stato interdetto anche dagli uffici pubblici per 5 anni, e dall’insegnamento universitario per 1 anno e 6 mesi. Il genetista è titolare di una cattedra all’Istituto di medicina legale dell’Università Cattolica di Roma. Sempre il Tribunale ha stabilito che deve pagare una provvisionale di 20mila euro alla madre e ai fratelli di Elisa Claps.

Vincenzo Pascali aveva ricevuto l’incarico dalla Procura di Potenza di eseguire gli esami sui reperti trovati nella chiesa dove si trovavano i resti di Elisa Claps rinvenuti il 17 marzo 2010. Secondo quanto si apprende sul maglione della ragazza il genetista non rintracciò il Dna di Danilo Restivo. I carabinieri del Ris di Parma però sarebbero riusciti a provare la colpevolezza dell’uomo proprio grazie alla corrispondenza dello stesso profilo genetico. Pascali analizzò 150 campioni e ne tenne da parte una dozzina perché secondo lui non c’erano tracce rilevanti. Invece è proprio su questi che c’era la firma dell’assassino di Elisa Claps. La difesa ha già annunciato che intende ricorrere in appello.

Elisa Claps è scomparsa da Potenza il 12 settembre 1993. È stata uccisa nella chiesa della Santissima Trinità e precisamente nella soffitta dove Danilo Restivo l’aveva condotta sotto minaccia. Dopo 16 anni i suoi resti sono stati trovati, il reggiseno e i jeans erano aperti e questo lascia intende che possa essere stata violentata. Dall’autopsia non fu possibile stabilirlo con certezza perché il cadavere era in avanzato stato di decomposizione. Danilo Restivo venne arrestato a Bournemouth, nel Dorset, in Inghilterra dove viveva con l’accusa di aver assassinato la sua ex vicina di casa, Heather Barnett. L’11 novembre 2011 Danilo Restivo è stato condannato a 30 anni per l’omicidio di Elisa Claps.

Lascia un commento

Back to Top