HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseCaso Emanuela Orlandi: dal 6 ottobre 2016 “La verità sta in cielo”, il film di Roberto Faenza

Caso Emanuela Orlandi: dal 6 ottobre 2016 “La verità sta in cielo”, il film di Roberto Faenza

di

Il 6 ottobre uscirà in 250 sale italiane il film sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi. Nel cast c’è anche il fratello Pietro. La pellicola è diretta da Roberto Faenza e propone una soluzione al giallo. Ma c’è un dubbio: perché non si parla anche di Mirella Gregori?

scomparsa emanuela orlandiIl caso della scomparsa di Emanuela Orlandi arriva sul grande schermo. Dal 6 ottobre 2016 in 250 sale verrà proiettato il film diretto dal regista Roberto Faenza per 01 Distribution. Nel cast c’è anche Pietro Orlandi, il fratello della quindicenne cittadina del Vaticano, di cui si sono perse le tracce il 22 giugno del 1983. A maggio di quest’anno, la Cassazione ha archiviato l’inchiesta, ma Pietro è convinto che la verità sia molto vicina e la soluzione potrebbe essere contenuta proprio in questo film intitolato La verità sta in cielo.

Pietro Orlandi nutriva grandi speranze nei confronti di Papa Francesco, il pontefice infatti sta cambiando radicalmente la Chiesa Cattolica. Durante un incontro in Vaticano, alle domande di Pietro, il Papa ha risposto: «Emanuela sta in cielo». Come ha raccontato lo stesso Orlandi in un’intervista a Panorama “si è alzato un muro”. Il film sul caso di Emanuela Orlandi si apre con questa frase di Oscar Wilde “La verità è raramente pura e non è mai semplice” e nella trama si parla dell’intreccio tra Stato, Chiesa e criminalità. Roberto Faenza ha attinto dalle indagini giornalistiche e sono due i piani su cui si sviluppa la storia, il primo è un salto indietro agli anni ‘80, mentre il secondo ci riporta ai giorni nostri e in particolare al 2015. Per il regista era necessario raccontare questa storia, e avrebbe voluto farlo prima, ma non aveva i mezzi economici per farlo. Quando ha proposto il progetto a Rai Cinema, Faenza si è sorpreso del fatto che il servizio pubblico abbia accettato.

Nonostante siano molti gli spoiler che circolano in rete sul film di Emanuela Orlandi, abbiamo deciso di soffermarci su alcuni dettagli. Gli unici elementi di finzione sono il capo della rete televisiva inglese e la giornalista inviata a Roma per indagare sul caso. Come sottolinea Faenza in questo film viene fuori il coraggio delle donne, ricordiamo infatti che è solo grazie all’inviata di “Chi l’ha Visto?” Raffaella Notarile e alla compagna del boss della Banda della Magliana, Renatino De Pedis che si arriva ad una svolta. Nel film Ma c’è un’altra donna di cui non si parla. Poco prima della sparizione di Emanuela Orlandi, si perdono le tracce di Mirella Gregori. Le due famiglie sono sempre state unite nella battaglia per la ricerca della verità. La figura di Mirella però è relegata ad un unico breve passaggio, come se non ci fosse un legame tra le due vicende.

Un altro capitolo molto importante della vicenda affrontato in maniera marginale nel film è quello che riguarda Marco Fassoni Accetti, supertestimone del caso Orlandi, definito un mitomane. La sua figura però è emblematica e il processo che lo vede coinvolto non si è ancora concluso. Noi restiamo in attesa dell’uscita del film sul caso Emanuela Orlandi per cercare di capire qual è la soluzione proposta nel finale.

Lascia un commento

Back to Top