HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiCaso Guerrina Piscaglia: Padre Graziano ammette di essere stato minacciato dalla donna

Caso Guerrina Piscaglia: Padre Graziano ammette di essere stato minacciato dalla donna

di

Per gli inquirenti il movente dell’omicidio di Guerrina Piscaglia è in questa inquietante dichiarazione di Padre Graziano: «Guerrina mi minacciava, io cercavo di tenerla a bada».

guerrina piscagliaPadre Graziano, sacerdote congolese, è accusato di aver ucciso Guerrina Piscaglia, scomparsa il primo maggio del 2014 da Ca’ Raffello, un paesino in provincia di Arezzo. Quelle parole sono state pronunciate dal sacerdote il 18 agosto 2014 e ha confermato tutto nell’interrogatorio dello scorso agosto. In questi giorni si terrà la prima udienza del processo e Giallo (n. 49) ha rivelato in esclusiva le dichiarazioni dell’imputato che dovrà cercare di dimostrare la sua innocenza. Padre Graziano ha chiesto di ascoltare 95 testimoni ma se non darà una spiegazione convincente ai giudici non basteranno per salvarlo.

Tra i testimoni ci sono anche dei religiosi tra cui monsignor Riccardo Fontana, arcivescovo della diocesi di Arezzo, Cortona e Sansepolcro e Padre Giovan Battista, con cui il sacerdote congolese condivideva la canonica. Per gli inquirenti, il movente del delitto è il rapporto particolare tra Padre Graziano e Guerrina Piscaglia. La casalinga 51enne si era invaghita del sacerdote che temeva di ritrovarsi al centro di uno scandalo nazionale. Nei due mesi precedenti la scomparsa di Guerrina ci sono stati 4mila contatti telefonici. Durante l’interrogatorio Padre Graziano ha dichiarato che Guerrina gli aveva confessato di essere incinta e che il figlio che portava in grembo era suo, minacciandolo di rivelare il segreto. Il sacerdote aveva anche contattato una sua amica infermiera per avere informazioni sulla procedura per abortire.

Gli indizi contro Padre Graziano

Oltre ai contatti telefonici vi sono altri indizi contro Padre Graziano, innanzitutto deve spiegare perché aveva il cellulare di Guerrina Piscaglia. Dopo la scomparsa della donna sono partiti alcuni sms scritti in un italiano approssimativo. Padre Graziano ha detto che Guerrina è fuggita via con un ambulante marocchino, ma l’uomo ha un alibi di ferro. Anche la storia di Zio Francesco è frutto dell’immaginazione del sacerdote congolese. Tra gli appunti di Padre Graziano gli inquirenti hanno trovato anche queste frasi: «Guerrina non c’è più», «Il telefonino è caduto nell’acqua come il libro delle preghiere». Ma non finisce qui, il sacerdote aveva la passione per le donne e ne frequentava molte, soprattutto prostitute con cui ha avuto incontri intimi e che sono state chiamate a testimoniare.

Lascia un commento

Back to Top