HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsScomparsiCaso Mario Bozzoli, la relazione del Ris conferma: “Nei forni nessuna traccia umana”
mario bozzoli_scomparso

Caso Mario Bozzoli, la relazione del Ris conferma: “Nei forni nessuna traccia umana”

di

mario bozzoli_scomparsoAd un anno dalla scomparsa di Mario Bozzoli non è stata trovata ancora alcuna traccia che potesse ricondurre all’imprenditore bresciano. A dirlo sono anche gli esperti del Ris

Nessuna traccia di Mario Bozzoli nemmeno nei forni della fonderia di famiglia a Marcheno, luogo in cui l’imprenditore sarebbe stato ucciso: “Non sono emerse sostanze chimiche che potessero univocamente essere ricondotte alla presenza di resti umani all’interno e sulle pareti del forno grande e di quello piccolo adibito alla fusione dei metalli, nonché sulle scorie di lavorazione relative alla giornata della scomparsa di Mario Bozzoli. Tantomeno sulle manichette dell’ultimo stadio di filtrazione dell’impianto”.

E’ questo quello che si legge nella relazione dei carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Parma, che hanno condotto una serie di accertamenti su alcuni elementi repertati in azienda durante le indagini.

In ogni caso, le ricerche di indizi utili, fa sapere il procuratore capo Tommaso Buonanno, non si fermeranno: sarà infatti chiesa una proroga d’indagine, la quale è stata definita “delicata e complessa”.

Gli esperti dunque non si arrendono e voglio arrivare alla verità, probabilmente ancora nascosta in quell’azienda: “In base agli atti e alle indagini riteniamo che Bozzoli, quella sera (la sera dell’8 ottobre 2015 ndr.), non sia uscito dalla fabbrica con le sue gambe”.

Per ora restano le analisi sulle scorie di fonderia: “I lavori sul materiale, e parliamo di 52 tonnellate, procedono: si tratta di un lavoro certosino che sta impegnando tante persone alla guida di una grande professionista come la dottoressa Cristina Cattaneo”.

Fonte: Corriere.it

Lascia un commento

Back to Top