HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsCaso Noventa, Freddy contro Manuela Cacco: “Non saremmo in carcere se fosse stata zitta”

Caso Noventa, Freddy contro Manuela Cacco: “Non saremmo in carcere se fosse stata zitta”

di

Non immaginava che Manuela Cacco avrebbe avuto il coraggio di smentire la sua versione dei fatti: è stato proprio Freddy Sorgato a sfogarsi con la mamma. Le intercettazioni sono state pubblicate dal settimanale Giallo

Era convinto che l’avrebbe fatta franca, ma Manuela Cacco ha addirittura accusato la sorella di aver avuto un ruolo determinante nell’omicidio. Stando ad alcune intercettazioni, Freddy Sorgato si sarebbe sfogato con la mamma riguardo la confessione della tabaccaia: “Non sarebbe successo niente se quell’altra (la Cacco ndr.) taceva. Cosa devo fare.. ho cercato di difendermi io.. se quest’altra sta a parlare in maniera stragionevole..”

Freddy Sorgato, uno dei presunti assassini di Isabella Noventa, punta il dito contro la Cacco, che ha smentito del tutto la sua versione dei fatti. L’uomo aveva infatti raccontato agli inquirenti che Isabella era morta durante un tragico gioco erotico, ma Manuela racconta invece che il delitto è avvenuto dopo una lite scoppiata la sera del 15 gennaio nella villetta del ballerino. Ad uccidere la donna sarebbe stata proprio Debora Sorgato.

Le parole riportate durante l’intercettazione per gli esperti rappresentato addirittura una sorta di confessione, dimostrando dunque che la versione fornita da Manuela Cacco sarebbe veritiera: “L’affermazione sa di assoluta ammissione di colpevolezza.. E’ chiaro il riferimento di Freddy Sorgato al fatto che nessuno sarebbe stato arrestato se Manuela Cacco taceva, anche e proprio in relazione al fatto che il cadavere della Noventa non è stato a oggi ritrovato e che gli indagati se ne guardano bene dal farlo ritrovare, essendo ormai evidenti e chiari i loro continui e ripetuti depistaggi per eludere le indagini..”

Inoltre, secondo quanto dichiarato da Freddy, Debora e Manuela erano grandi amiche. La Cacco dunque, non avrebbe avuto alcun motivo di gettare fango sulla donna inutilmente: “Questa affermazione – scrivono gli inquirenti – avvalora le dichiarazioni di Manuela Cacco, poichè non vi sarebbero motivi di astio e rancore tra lei e Debora da giustificare affermazioni accusatorie così gravi in ordine al reato di omicidio”.

Lascia un commento

Back to Top