HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCaso Sissy Trovato, la rivelazione di Manuela Cacco: l’agente provocata da una detenuta

Caso Sissy Trovato, la rivelazione di Manuela Cacco: l’agente provocata da una detenuta

di

Manuela Cacco, detenuta nel carcere della Giudecca, lo stesso dove presta servizio Sissy Trovato, ha parlato di un episodio al centro di un provvedimento disciplinare partito proprio dopo la segnalazione dell’agente.

Sissy Trovato è in coma. L’agente di polizia penitenziaria di 28 anni è stata trovata in fin di vita lo scorso primo novembre all’ospedale Civile di Venezia. La Procura indaga per istigazione al suicidio ma le ultime news sul caso si concentrano sulle rivelazioni di Manuela Cacco. Come vi avevamo raccontato, l’agente aveva segnalato un episodio finito al centro di un provvedimento disciplinare, si tratta proprio di quello di cui ha parlato la Cacco? A quanto pare Sissy aveva denunciato la violazione del regolamento da parte di una sua collega che avrebbe baciato una detenuta.

Sissy Trovato era andata in ospedale per controllare una delle detenute delle Giudecca, ricoverata dopo aver partorito. Era salita al secondo piano, ma la paziente non si trovava lì, così è scesa al primo piano e poi si è diretta all’ascensore invece di andare verso l’uscita. Non si sa cosa è successo in quei minuti, se non che una pallottola si è conficcata nella sua testa. Si è sparata da sola o qualcuno ha premuto il grilletto? Le prime analisi confermano che il colpo è partito da una mano sinistra ma l’agente non era mancina.

Tornando all’episodio al centro delle rivelazioni di Manuela Cacco, pare che l’agente Trovato sia stata avvicinata da due detenute che le hanno riferito degli episodi contrari al regolamento. Come riporta Fanpage dalle dichiarazioni è partita un’indagine disciplinare e sono state ascoltate delle testimoni, tra cui la Cacco. Manuela ha assistito alle provocazioni tra l’agente e la detenuta, che si sono bloccate quando l’hanno vista. La donna qualche giorno prima le aveva viste insieme che ascoltavano la musica di nascosto. La detenuta aveva già provato a corrompere Sissy Trovato. L’agente nella sua relazione aveva scritto che in passato le si era avvicinata e aveva chiesto di non lavorare più a contatto con la stessa. Solo che è stato contestato a Sissy di aver estorto la testimonianza delle detenute. Il mese successivo è stata trovata in fin di vita, anche se era mezzogiorno nessuno ha visto cosa è successo.

Lascia un commento

Back to Top