HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiRoberta Ragusa: il mistero definito “cartone animato” da Antonio Logli
roberta ragusa

Roberta Ragusa: il mistero definito “cartone animato” da Antonio Logli

di

Antonio Logli un giorno aveva visto i disegni in tv realizzati dal programma Chi l’ha Visto, e li aveva definiti cartoni animati. Ora, a distanza di tempo, la realtà che è emersa da un attento esame investigativo, somiglia piuttosto che a un cartone a una favola nera. C’era un volta una giovane donna, che amava un uomo più grande e già sposato. Il loro amore era contrastato e ostacolato dalla presenza della moglie inconsapevole.

roberta ragusaRileggere le parole dei due amanti, le parole che si scambiavano via mail, fa quasi impressione: sembrano, infatti, segni premonitori. Le mail in questione risalgono ad agosto 2008, 4 anni prima che Roberta scompaia nel nulla. Eppure già si parla di periodi brutti da affrontare e del fantasma di Roberta.

Probabilmente, Sara pensava al momento in cui Antonio aavrebbe lasciato Roberta per lei. All’epoca aveva 24 anni: era giovane, bella e ci credeva. Allora lei e Antonio passavano ore al telefono, come lei stessa riferisce ai carabinieri l’11 gennaio 2012, 2 giorni dopo la scomparsa di Roberta.

La soffitta è centrale in questa vicenda: è il luogo dove  Antonio passa molte ore quando è in casa, e dove si sofferma quando parla al telefono con Sara. Ed è il luogo da cui Roberta lo sente parlare, e capisce che ha un’altra. Come lo stesso Antonio dichiara ai Carabinieri il 16 gennaio, alla domanda se la moglie sapesse della sua relazione extraconiugale.

L’8 maggio 2012 Sonia, la cugina di Roberta, riporta la stessa circostanza, ma con qualche dettaglio in più: Roberta, svegliatasi nel cuore della notte, aveva sentito Antonio parlare al telefono con toni molto intimi. Aveva, quindi, affrontato il marito chiedendogli se avesse un’amante, ma lui aveva negato. Quella negazione aveva profondamente deluso Roberta, tanto che si era sfogata anche con un’amica.

Sara, poi, c’è sempre in mezzo alla famiglia: la sua pressione su Antonio si fa più forte, fino a quando non decide di lasciarlo. Durante la sua deposizione, la giovane ammette di aver preso quella decisione in seguito alla frustrazione accumulata nel corso degli anni.  7 anni da amante che, ormai, non tollerava più.

A distanza di due anni dalla scomparsa di Roberta tante cose sono cambiate: della donna non si sa ancora nulla, mentre Sara si è trasferita a casa di Antonio, cercando di sostituirla in tutto. Ma qui, tra le sue cose e i suoi affetti, soffre il confronto con l’altra. Con Roberta. Ad Aprile 2013 Sara ed Antonio litigano. Lei gli rinfaccia la poca attenzione nei suoi confronti, e dalle intercettazioni ambientali risulta un quadro familiare sempre più compromesso.

Sembrano lontani i tempi in cui Sara e Antonio si scambiavano parole d’amore. Inoltre, la giovane ha un rapporto conflittuale con la figlia di Roberta.  E come se non bastasse, dalle intercettazioni risulta che i dubbi emergono nella mente anche dei genitori di Antonio. Una situazione che, a distanza di anni, non è ancora chiara.

Sarasi è ritrovata in uan situazione più grande di lei: difficile gestire questa pressione. Inoltre, i sogni sul suo bel principe azzurro si stanno infrangendo contro la dura (e triste) realtà.

(Fonte Chi L’Ha Visto)

 

Lascia un commento

Back to Top