HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaCatania, nessuna rapina in villa: ad uccidere Longo è stata la moglie

Catania, nessuna rapina in villa: ad uccidere Longo è stata la moglie

di

alfio longoAd uccidere Alfio Longo non sono stati due malviventi durante una rapina. A confessare l’omicidio dell’uomo, avvenuto nella sua villetta di Biancavilla, è stata la moglie Vincenzina Ingrassia

Quella della rapina è stata tutta una messa in scena: Alfio Longo è stato ucciso dalla moglie e a confessare l’omicidio sarebbe stata proprio quest’ultima. La rapina nella villetta di Biancavilla dunque non è mai avvenuta e lo scopo di Vincenzina Ingrassia era solo quello di eliminare l’uomo, a sua detta troppo “violento”.

La moglie dell’uomo avrebbe dichiarato di essere stufa di dover subire i suoi scatti violenti ed è per questo che il 67enne, elettricista in pensione, sarebbe stato legato dalla donna nel suo letto per poi essere colpito a morte con un grosso bastone con il quale gli è stato letteralmente sfondato il cranio.

La confessione della donna sarebbe arrivata dopo un lungo interrogatorio in cui erano emersi tanti dubbi sulla dinamica della rapina: “Sono entrati in due col volto coperto, mi hanno costretto a legarlo e poi hanno legato Alfio, mio marito ha reagito e quando ha detto ‘vi ho riconosciuti’ lo hanno ucciso con colpi di legno in testa”. La ricostruzione del delitto non ha convinto gli esperti che si erano concentrati anche sul fatto che la donna fosse stata legata sul divano e non sul letto insieme alla vittima e che i cani dei coniugi non avessero abbaiato alla vista dei presunti rapinatori.

Ecco però che il mistero è stato svelato in breve tempo poichè la rapina è stata soltanto frutto della fantasia. Il piano di Vincenzina Ingrassia non è andato come doveva dato che poco dopo la confessione quest’ultima è stata fermata dai carabinieri di Catania su disposizione della Procura: “La notte scorsa a seguito di pressante ed articolato interrogatorio è stata fermata Vincenzina Ingrassia, di 64 anni, che ha confessato l’omicidio del proprio coniuge”.

Lascia un commento

Back to Top