HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiCatanzaro: Trovato cadavere carbonizzato

Catanzaro: Trovato cadavere carbonizzato

di

La scoperta è avvenuta in località Pantaleo a Guardavalle, in provincia di Catanzaro

Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato ritrovato in località Pantaleo a Guardavalle, a Catanzaro.

Le generalità del cadavere sono state accertate soltanto a tarda notte per via delle pessime condizioni in cui versava.

Si tratta di Davide Vincenzo Amato, un boscaiolo di 32 anni che risulta incensurato.

Il corpo è stato ritrovato all’interno della sua automobile. Davide Vincenzo Amato si era allontanato di casa martedì sera e non era più rientrato. I familiari non avendo più sue notizie avevano lanciato l’allarme. I carabinieri di Catanzaro sono riusciti ad arrivare sul luogo della scoperta grazie alle istruzioni dettate da una telefonata anonima. Sul posto insieme agli inquirenti è arrivato anche il medico legale per il primo esame esterno sul cadavere e i carabinieri del RIS con la speranza di trovare qualcosa di utile alle indagini.

catanzaroDai primi accertamenti non è stato possibile capire le modalità del decesso visto che il corpo di Amato è stato completamente sfinito dalle fiamme.

Di sicuro l’autopsia sul cadavere disposta dagli inquirenti potrà dire di più su questa orribile scoperta.

Per ora chi sta indagando sull’accaduto non si sente di abbandonare nè la pista del suicidio nè quella dell’omicidio. Di sicuro c’è che l’uomo non aveva mai avuto in passato problemi con la giustizia e non sembra legato a nessun clan della criminalità organizzata. Potrebbe trattarsi di un regolamento di conti forse di questioni economiche, ma chi può macchiarsi di un simile omicidio così brutale? o forse si tratta di suicidio, ipotesi improbabile per la famiglia visto che non aveva apparentemente alcun tipo di problema tanto da fargli venire in mente l’idea di togliersi la vita. Fatto sta comunque che forse l’uomo si è allontanato di casa per incontrare qualcuno o per darsi alle fiamme e farla finita. Ne sapremo di più dopo l’autopsia.

Lascia un commento

Back to Top