HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiUltimissimeChiesto rito immediato per Davide Guglielmo Righi
Davide Guglielmo Righi

Chiesto rito immediato per Davide Guglielmo Righi

di

Davide Guglielmo Righi potrebbe essere processato con rito immediato.

Si procede con un processo con rito immediato per Davide Guglielmo Righi, il 48enne che lo scorso 23 febbraio riuscì ad aggredire il tassista Alfredo Famoso a Milano dopo un litigio in strada per motivi di viabilità.Davide Guglielmo Righi

L’uomo, attualmente domiciliari dal momento del suo arresto, era stato subito accusato di omicidio volontario, ma il gip di Milano aveva deciso di derubricare quel reato in omicidio preterintenzionale.

Ora, dopo pochi mesi da quella tragedia, purtroppo Famoso morì poche ore in ospedale , per Righi è alle porte la data del processo.

Il pubblico ministero Maria Teresa Latella ha confermato l’imputazione di omicidio preterintenzionale e chiesto che l’uomo venga processato con rito immediato.

La dinamica dei fatti è stata chiarita, confermata anche dallo stesso Righi durante l’interrogatorio:

“Lui mi ha preso per il braccio sinistro e ha iniziato a strattonarmi. Poi mi ha preso anche l’altro braccio e a quel punto c’è stata una velocissima colluttazione nella quale ho dato uno strattone con il braccio destro e, così facendo, ho colpito il tassista.

L’ho colpito all’altezza del viso in quanto avevo il braccio già alzato per liberarmi dalla sua presa. A quel punto lui ha mollato la presa e si è irrigidito in una strana posa: è come se si fosse messo sull’attenti. Dopodiché si è lasciato cadere all’indietro e con la schiena ha sbattuto contro la ruota di un suv che era parcheggiato nei pressi. A seguito di questo urto il tassista ha aperto le braccia per cercare appoggio, ma non trovandolo è caduto per terra sbattendo prima il sedere e poi la schiena. Non mi è sembrato proprio che sbattesse la testa. Dopo l’urto con la ruota di scorta è come se gli fosse mancato il terreno sotto i piedi, come se fosse scivolato.

Non pioveva ma l’asfalto era bagnato. Quando era a terra era ancora cosciente in quanto l’ho sentito lamentarsi e l’ho visto muoversi.”

 

Lascia un commento

Back to Top