HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaClaudio Rampanelli, accoltella compagna e figliastra per poi lanciarsi dalla finestra

Claudio Rampanelli, accoltella compagna e figliastra per poi lanciarsi dalla finestra

di

poliziaAl centro di Trento è avvenuto l’ennesimo fatto di sangue in cui le vittime sono ancora delle donne. Claudio Rampanelli, 63enne ex imbianchino e carpentiere, ha ucciso la compagna e la figlia di lei a coltellate. L’uomo dopo il duplice omicidio si è lanciato nel vuoto e lo schianto mortale è stato inevitabile

Claudio Rampanelli, secondo quanto emerso da un biglietto trovato in casa dagli investigatori, avrebbe ucciso per la paura di essere lasciato dalla compagna con la quale aveva una relazione da circa 10 anni. Ed è per questo motivo che armato di coltello quest’ultimo ha tolto la vita alla 53enne Laura Simonetti e alla figlia 27enne Paola Ferrarese.

Il duplice omicidio si sarebbe consumato nel primo pomeriggio di ieri e a confessarlo è stato lo stesso Claudio Rampanelli che poco dopo il delitto avrebbe chiamato il 113: “Ho ucciso moglie e figlia e adesso mi ammazzo”.

Una volta giunti sul luogo incriminato gli agenti sono stati chiamati dall’uomo che si trovava in equilibrio sul bordo di una finestra posta all’ultimo piano dello stabile dove vivrebbe anche l’ex marito della 53enne. Claudio Rampanelli a quel punto avrebbe gridato disperato “non ce la faccio più, spostatevi, mi butto di sotto” e qualche secondo dopo avrebbe dato vita al gesto estremo morendo sul colpo. I cadaveri delle due vittime sarebbero stati rinvenuti poco dopo nella camera da letto in una pozza di sangue.

Nella città di Trento Claudio e Laura erano abbastanza conosciuti e nessuno sembrerebbe essersi accorto di anomalie o del rischio di una eventuale separazione: “Erano una coppia normalissima, che amava passeggiare e andare in bicicletta. Due giorni fa ho visto Claudio a spasso e mi è sembrato tranquillo come sempre”.

A salvarsi da questa assurda ed insensata tragedia è stato l’altro figlio della vittima che non si trovava in casa poichè trasferitosi ad Hong Kong.

Lascia un commento

Back to Top