HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCold case Daniele Gravili, il bimbo ucciso nel 1992 in Salento

Cold case Daniele Gravili, il bimbo ucciso nel 1992 in Salento

di

Daniele Gravili era un bambino di 3 anni, venne rapito e stuprato, poi abbandonato sulla spiaggia di Torre Chianca. Il colpevole non è mai stato trovato.

daniele graviliEra il 12 settembre del 1992, sulla spiaggia di Torre Chianca giaceva agonizzante un bambino di soli 3 anni. Daniele Gravili era stato rapito e violentato. Il fatto di cronaca nera che ha sconvolto il Salento e che non ha mai avuto un colpevole è stato riportato alla luce da Fanpage. Daniele giocava nel cortile, ma ad un certo punto Raffaele e Silvana, i suoi genitori, non sentono più alcun rumore. Lo cercando ovunque anche nelle viuzze del paesino a 20 km da Lecce. Qualche ora dopo un ragazzo che passeggiava sulla spiaggia nota un mucchio di vestiti, ma quando si avvicina scopre che si tratta di un bambino e inizia a cercare aiuto.

Daniele Gravili era ancora vivo anche se molto pallido, un vigile del fuoco tenta la rianimazione e il piccolo per un attimo si riprende, poi la corsa verso l’ospedale. Alle 21 il piccolo Daniele si arrende. Dall’autopsia emerge che Daniele Gravili è stato violentato, la sabbia gli ha ostruito i polmoni perché l’uomo che ha abusato di lui gli ha schiacciato la testa, così nessuno avrebbe sentito le sue urla. Silvana e Raffale non hanno mai voluto parlare di questa storia, stavano facendo le valigie perché le vacanze erano finite e si preparavano al rientro. Nonostante gli appelli lanciati il giorno del funerale nessuno si è mai fatto avanti.

Quello di Daniele Gravili è uno dei 27 cold case italiani non ancora risolti. Ben 19 persone tra adulti e ragazzi sono stati indagati, ma tutti non hanno “superato” la prova del Dna. Nella scorciatoia che da casa di Daniele portava dritta al mare vennero trovate delle caramelle, probabilmente erano state usate dall’assassino per attirare il bambino. Le nonne lo dicono sempre “non accettate caramelle dagli sconosciuti”, oppure “non allontanatevi da casa perché poi viene l’orco e vi prende”. Daniele Gravili era troppo piccolo per capire.

Lascia un commento

Back to Top