HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseCold Case: il mistero di Margherita Bisi, la segretaria di Bologna scomparsa 13 anni fa
margherita bisi_scomparsa

Cold Case: il mistero di Margherita Bisi, la segretaria di Bologna scomparsa 13 anni fa

di

È ancora avvolta nel mistero la scomparsa di Margherita Bisi, una donna di 37 anni che è scomparsa a Bologna il 13 marzo del 2002. L’ultima persona che l’ha vista è stato Luca Delli e l’uomo è stato assolto nel processo per il presunto omicidio. Il corpo della Bisi non è mai stato ritrovato, due mesi dopo la sua sparizione invece l’auto venne abbandonata nel parcheggio dell’aeroporto di Peretola.

margherita_bisiMargherita Bisi era una segretaria bolognese di 37 anni. La donna è scomparsa 13 anni fa e il suo caso non è mai stato risolto. L’unico indagato era Luca Delli, ma dopo 3 processi e 2 anni di custodia cautelare è stato definitivamente assolto. L’unico che poteva impugnare la decisione dei giudici era il procuratore generale ma non è arrivata alcuna richiesta di ricorso entro i termini quindi il processo si è interrotto. Però i dubbi sulla scomparsa di Margherita Bisi sono tantissimi.

Nonostante mesi di ricerche il corpo di Margherita Bisi non è mai stato ritrovato, tanto che è stato persino messo in discussione il suo omicidio. L’inchiesta dei carabinieri ha cercato di ricostruire le ultime ore di vita di Margherita Bisi che aveva detto ai genitori che si sarebbe recata a Firenze per incontrare una persona. Sette giorni dopo la scomparsa la Fiat Punto di Margherita venne ritrovata nel parcheggio di un aeroporto fiorentino con delle evidenti ammaccature, inoltre una delle ruote anteriori era stata sostituita e sul cruscotto c’era il tagliando del parcheggio ritirato alle 2 del 14 marzo.

Seguendo le tracce dei cellulari di Margherita Bisi, i carabinieri arrivarono a due persone che raccontarono di averli ricevuti in regalo da Luca Delli. La notte del 14 marzo l’uomo si presentò al pronto soccorso perché era ferito aveva incontrato Margherita che avrebbe consegnato i cellulari in cambio di una dose di cocaina. I giudici hanno ritenuto la ricostruzione una “ragionevole ipotesi”, la Bisi poteva avere un altro appuntamento e Delli non aveva alcun motivo per ucciderla.

Lascia un commento

Back to Top