HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseCold case: la birra al veleno che ha ucciso Richard Nolan Gonsalves in vacanza a Camino al Tagliamento
birra avvelenata_cold case

Cold case: la birra al veleno che ha ucciso Richard Nolan Gonsalves in vacanza a Camino al Tagliamento

di

Richard Nolan Gonsalves era un architetto americano che si trovava a Camino al Tagliamento in vacanza con sua moglie, di origini italiane. È morto perché ha bevuto una birra avvelenata. Dopo lunghe indagini e una serie di sospetti il caso è stato archiviato.

richard nolan gonsalvesRichard Nolan Gonsalves aveva solo 33 anni e nella birra che ha bevuto qualcuno aveva messo del topicida. L’architetto statunitense era arrivato in Friuli con sua moglie ed è morto dopo 3 giorni di agonia. Per il suo omicidio era intervenuto Ted Kennedy che aveva chiesto anche l’intervento dell’Fbi, ma l’assassino di Richard Nolan Gonsalves non è mai stato trovato. Nella lunga inchiesta qualcuno aveva anche ipotizzato che l’uomo poteva salvarsi facendo intendere che presso l’Ospedale di Udine non avesse ricevuto le giuste cure.

Il 7 luglio del 1999 la suocera di Richard Nolan Gonsalves si è recata presso un supermercato per acquistare una confezione da 6 bottiglie di birra di una nota marca italiana. Era accompagnata dal fratello che abitava a Milano e il giorno seguente l’uomo è ripartito. Il 15 luglio invece sono arrivati Richard Nolan Gonsalves e la moglie Alessandra Corigliano e hanno alloggiato in un casolare della famiglia che era stato ristrutturato qualche anno prima. A pranzo le donne bevono del vino mentre Richard Nolan Gonsalves preferisce stappare una birra. Nonostante lo strano sapore continua a berla e poi va in bagno perché si sente male. Il veleno ci mette un po’ prima di entrare in circolazione e Richard Nolan Gonsalves nonostante non sia in forma va a fare un giro in macchina, solo che ad un certo punto i sintomi peggiorano e si reca al pronto soccorso. Dopo gli accertamenti di routine l’uomo chiede di essere dimesso anche se i medici volevano tenerlo sotto controllo. La sera torna in ospedale e il 17 luglio le sue condizioni peggiorano. È morto il 18 luglio alle 20.50.

Dopo la denuncia da parte della moglie di Richard Nolan Gonsalves le indagini assumono una direzione precisa perché è escluso che la bottiglia fosse stata imbottigliata con del veleno anche perché l’altra trovata a casa presenta tracce dello stesso veleno. Richard Nolan Gonsalves probabilmente non era l’obiettivo dell’assassino oppure era qualcuno che conosceva molto bene. La moglie dell’architetto ha persino convocato una conferenza stampa per dire che sapeva chi erano gli assassini ma questa pista non ha mai trovato conferme.

Il caso della morte di Richard Nolan Gonsalves è stato archiviato nel 2002 e nella richiesta presentata dal Pm ci sono paragrafi interi dedicati alla suocera e alla moglie che hanno mostrato sempre un atteggiamento molto strano, purtroppo non sono mai stati trovati elementi oggettivi per incastrarle.

Lascia un commento

Back to Top