HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsColpo di scena omicidio di Paolo Vivacqua
Paolo Vivacqua

Colpo di scena omicidio di Paolo Vivacqua

di

Dopo quasi tre anni di indagini, le forze dell’ordine hanno arrestato cinque persone, tutte residenti in Brianza, e fatto luce su questo delitto di Paolo Vivacqua

Colpo di scena nelle indagini sull’omicidio di Paolo Vivacqua, l’imprenditore di 52 anniPaolo Vivacqua

che è stato ucciso nel novembre 2011, nel suo ufficio di Desio, in provincia di Milano, con 7 colpi di pistola.

Dopo ben quasi tre anni di indagini, le forze dell’ordine hanno deciso di arrestare cinque persone, tutte residenti in Brianza, e fatto luce su questo delitto che è rimasto irrisolto per troppi mesi.

A mettere in manette sono stati i due mandanti dell’omicidio, l’organizzatore e gli esecutori materiali dello stesso.

Le indagini, lo hanno spiegato i carabinieri in una nota, hanno permesso di poter chiarire tutta la vicenda che ha assunto le tinte di un vero e proprio romanzo popolare costernato di gelosia, rancore e sordidi interessi economici: un vero e proprio noir nel cuore dell’operosa Brianza.

L’uomo, titolare di alcune società di commercio di materiali ferrosi, trasporto e rimessaggio di auto, aveva preso un giro d’affari davvero molto ampio e c’è voluto del tempo per restringere la lista dei sospettati.

Già poche ore dopo il delitto, ecco cosa scriveva Il Giorno:

“Perché se è vero che spendeva (Ferrari, elicottero) e spandeva (tutte le varie elargizioni benefiche, note e meno note), è anche vero che a qualcuno potrebbe avere detto «no, per te non c’è niente», e a qualcun’altro, vantava o diceva di vantare crediti, potrebbe aver risposto ugualmente picche. A Desio, in Brianza, o in Sicilia. Insomma, una gestione del patrimonio che potrebbe aver scontentato pesantemente qualcuno (un parente? un socio o un ex socio?) e una gestione degli affari talmente spregiudicata che potrebbe aver infastidito qualcun altro, in una delle zone di prepotente competenza dell’imprenditore.”

Oggi, a quasi tre anni da quel delitto, i cinque presunti responsabili sono stati assicurati alla giustizia.

 

Lascia un commento

Back to Top