HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsCondannato per l’omicidio dell’amante: Bruno Fernandes de Souza torna a giocare

Condannato per l’omicidio dell’amante: Bruno Fernandes de Souza torna a giocare

di

Bruno Fernandes de Souza, di professione portiere, era stato condannato in primo grado a 22 anni per l’omicidio della modella Eliza Samudio, la sua amante. È stato rilasciato in attesa del processo e ha ottenuto un contratto da un club di calcio brasiliano.

Condannato in primo grado a 22 e 3 mesi perché mandante del sequestro e dell’omicidio della sua amante e rilasciato in attesa del processo, Bruno Fernandes de Souza è stato ‘assunto’ dal club Boa Esporte, della serie B brasiliana. L’ex portiere ha passato sei anni in carcere e per i prossimi due anni è stato messo sotto contratto dalla squadra, una decisione che ha indignato il Brasile e non solo. Come riporta Il Giornale infatti l’eco di quell’efferato omicidio aveva valicato i confini nazionali. L’ex amante del giocatore era stata rapita, strangolata e data in pasto ai cani per far sparire ogni traccia. La modella era rimasta incinta e, nonostante le ripetute minacce del calciatore di abortire, aveva deciso di portare a termine la gravidanza. Bruno Fernandes de Souza all’epoca era considerato l’erede di Dida e il Milan seguiva con attenzione la carriera del portiere. Quattro mesi dopo il parto Eliza è stata uccisa, il bambino oggi vive con i genitori della modella, il test del Dna ha confermato la paternità. Al massacro avrebbe partecipato anche la moglie di Bruno Fernandes de Souza, un’altra ex amante, e un poliziotto. Nonostante il corpo non sia stato trovato è arrivata la condanna in primo grado.

Secondo i dati ufficiali, in Brasile avviene uno stupro ogni 11 minuti, una notizia del genere, ha suscitato molta indignazione, diverse le proteste da parte di gruppi femministi e non solo. Gli sponsor hanno già tolto il sostegno al club che ha messo sotto contratto Bruno Fernandes de Souza. Il presidente della squadra non è tornato sui suoi passi e ha dichiarato che non è affatto pentito della sua scelta. La Fifa invece ha preferito il silenzio stampa, il ritorno in campo di Bruno Fernandes de Souza ha lasciato tutti senza parole, sorprende inoltre la naturalezza con cui il portiere desideri tornare in corsa, come se nulla fosse accaduto.

Lascia un commento

Back to Top