HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiContinuano le ricerche per Mario Bozzoli: tanti gli interrogativi sulla sua scomparsa
mario bozzoli_scomparso

Continuano le ricerche per Mario Bozzoli: tanti gli interrogativi sulla sua scomparsa

di

mario bozzoliE’ ormai passata una settimana ma di Mario Bozzoli, imprenditore bresciano, non si hanno più notizie. Le ricerche, dopo essere partite nella fonderia di famiglia a Marcheno, continuano nei luoghi vicini

Che fine ha fatto Mario Bozzoli? E’ questa la domanda che da giorni si pongono i cittadini di Marcheno, città nel Bresciano. Per molti tutto è avvenuto in quella fonderia di famiglia ed è per questo che l’avvocato Patrizio Scalvi ha chiesto di sospendere la produzione e di sequestrare l’azienda per poter permettere agli esperti ulteriori ricerche: “E’ successo qualcosa all’interno della fonderia. E’ impossibile che si sia allontanato volontariamente. E’ importare cercare all’interno dell’azienda, gli spazi sono enormi, ci sono tonnellate di materiale, 300 tra bidoni e sacchi di scorie. Se c’è stata una colluttazione, le tracce sono lì ed è li che bisogna cercare”.

Mario Bozzoli potrebbe non essere mai uscito dalla fonderia. Dopo l’ultima chiamata alla moglie, che lo aspettava per una cena, anche il suo cellulare ha smesso di funzionare.

Al momento nessuna ipotesi sembrerebbe essere esclusa, tra cui quella dell’omicidio. Bozzoli potrebbe essere stato gettato tra le fiamme dei forni della fonderia ma, nonostante la macabra ipotesi, si continua a sperare di poterlo ritrovare vivo.

Intanto, mentre le ricerche si spostano anche nella direzione della casa estiva di famiglia situata a Londrino, alcune immagini inedite sono state trasmesse a Chi l’ha visto. Un video di pochi secondi ha immortalato un uomo in un ufficio della fonderia di Mario Bozzoli che rovistava tra i documenti prendendone alcuni e distruggendone altri. Chi è quell’uomo? Perché hai preso quei documenti? Tanti sono gli interrogativi.

La famiglia è comunque speranzosa e attraverso il loro avvocato ha lanciato un appello: “La moglie e i figli, che nella ipotesi che qualcuno trattenga contro la propria volontà il loro congiunto, desiderano comunicare che necessità assolutamente di trattamento medico-farmavologico in quanto affetto da ipertensione arteriose. Il farmaco si chiama Olpress da 20 grammi , un grammo al giorno, e Concor da 10 grammi, mezzo grammo al giorno”.

Tags:

Lascia un commento

Back to Top