HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsCoppia dell’acido: Martina Levato condannata a 16 anni, giudicato colpevole anche il complice
martina levato

Coppia dell’acido: Martina Levato condannata a 16 anni, giudicato colpevole anche il complice

di

Il processo a Martina Levato si è concluso con una condanna a 16 anni. Per i magistrati anche Andrea Magnani, il complice della coppia dell’acido, è colpevole. Una delle vittime, che ha il volto completamente sfigurato, ha detto che vuole riprendere la sua vita.

martina levatoMartina Levato è l’unica che ha confessato le aggressioni con l’acido. La 24enne era convinta che se la sarebbe cavata con qualche anno di carcere, ma quando i giudici hanno pronunciato la sentenza ha iniziato a piangere, perché si sono accaniti contro di lei. Andrea Magnani, il 32enne amico di Alex Boettcher invece è stato condannato a 9 anni, a breve i giudici si pronunceranno anche nel processo che lo vede implicato per le aggressioni alla vittime.

Stefano Savi e Pietro Barbini hanno un’unica “colpa”, aver incontrato Martina Levato. Savi ha subito 14 interventi chirurgici ed è stato scambiato per Carparelli, un fotografo, che si è difeso con un ombrello. Barbini invece si è trasferito negli States, ed era un ex compagno di liceo. Nel primo processo Martina Levato è stata condannata a 14 anni di reclusione, in questo secondo processo era imputata con Andrea Magnani. Per i giudici sono complici di aver messo in piedi un’associazione a delinquere, con lo scopo di punire gli ex amanti della Levato. Come riporta Giallo (num. 4) è stato disposto il risarcimento di 1 milione di euro per Savi e 100mila euro per la sua famiglia. Martina Levato è stata giudicata colpevole anche per l’aggressione ad Antonio Margarito (che tentò di evirare sostenendo che l’avesse violentata). Il legale della 24enne ha commentato la sentenza dicendo che è stata plagiata da Boettcher, e che ricorreranno in appello.

L’esperto Daniele Bocciolini, interrogato da Giallo (num. 4) ha risposto ad una domanda importante, ovvero se le due condanne si sommano. Martina Levato non sconterà 30 anni di carcere, anche se dovessero essere confermate le condanne in tutti i gradi di giudizio. Ai giudici adesso spetta il compito di stabilire la continuità del reato, ovvero se agiva secondo un piano criminale. In caso di risposta affermativa non ci dovrebbe essere il cumulo, pertanto le porte del carcere potrebbero aprirsi dopo aver scontato una pena di 20 anni. Intanto il tribunale dei minori deve decidere se dare in adozione il figlio nato dalla relazione tra Martina Levato e Alex Boettcher.

Lascia un commento

Back to Top