HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsCraig Hicks, litiga con tre giovani musulmani e li uccide spinto dall’odio religioso

Craig Hicks, litiga con tre giovani musulmani e li uccide spinto dall’odio religioso

di

Craig HicksCraig Hicks, 46 anni, ha ucciso tre studenti dopo una lite. L’uomo si è introdotto nell’appartamento dei ragazzi e li ha ammazzati. Gli esperti non escludono che il 46enne abbia commesso il delitto spinto dall’odio che prova per la religione musulmana

Craig Hicks è stato arrestato per l’omicidio di tre giovani ragazzi musulmani. La strage, che è avvenuta a Chapel Hill, nel North Carolina, è stata causata probabilmente da una lite scaturita per alcune questioni legate al parcheggio ma non è stato escluso che il killer abbia agito per odio contro la religione musulmana.

Le vittime sono state identificate come Deah Barakat, la moglie Yusor Mohammad Abu-Salha e la sorella Razan Barakat. I tre ragazzi studiavano ed erano socialmente impegnati per una raccolta fondi destinata ai profughi siriani in Turchia.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita dagli agenti, Craig Hicks dopo una banale lite avvenuta in un parcheggio si è introdotto nell’appartamento del campus dove vivevano i giovani. Il 46enne ha improvvisamente aperto il fuoco uccidendoli a sangue freddo. Dopo aver commesso il triplice omicidio si è poi consegnato alla polizia senza opporre resistenza.

Gli esperti hanno esaminato reperti e documentazioni relative all’assassino. Si è inoltre scoperto che l’uomo si è sempre dichiarato ateo e che in giro per il web aveva espresso il suo profondo odio verso ogni tipo di religione che, a sua detta, hanno provocato enormi danni nel mondo. E’ proprio per questo motivo che credeva di avere il diritto ed il dovere di insultarle.

In un suo post, al vaglio degli inquirenti, si può leggere: “E’ la vostra religione che ha cominciato, non io. Se la vostra religione tiene la sua grande bocca chiusa, lo farò anch’io”.

La comunità musulmana nelle ultime ore ha lanciato proprio per questo motivo una nuova campagna di sensibilizzazione online con l’hashtag twitter #MuslimLivesMatter.

Lascia un commento

Back to Top