HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDaniel Domnar, arrestato dopo aver ucciso la piccola Stella

Daniel Domnar, arrestato dopo aver ucciso la piccola Stella

di

Daniel Domnar, il romeno di 21 anni che il 26 dicembre 2013 ha ucciso in un incidente stradale Stella Manzi di soli 8 anni, è stato arrestato dalla polizia stradale

Daniel Domnar è stato arrestato ad Albano Lazialeper il momento si trova in ospedale in attesa di essere trasferito in carcere. Era stato denunciato a piede libero e grazie all’appello del padre di Stella rivolto al ministro Cancellieri, è stato possibile arrestarlo ed evitare che potesse scappare.

Il ragazzo il giorno dell’incidente avvenuto presso via Nettunense in Aprilia, stava guidando ubriaco, sotto l’effetto di droga e non aveva con sè la patente nè l’assicurazione dell’auto. Daniel Domnar guidava in direzione opposta dell’auto tamponata, e facendo un sorpasso azzardato ad alta velocità, invadendo l’altra corsia, ha centrato in pieno quest’ultima, togliendo la vita alla bimba.

La piccola Stella è morta dopo due giorni dall’incidente all’ospedale Bambin Gesù di Roma, dopo che era stata trasportata con urgenza in condizioni disperatissime dato che dall’urto violento era sbalzata fuori dall’auto. Nell’auto su cui viaggiava, c’erano la madre, la sorella minore e due cugini di 20 e 22 anni rimasti feriti insieme a Daniel Domnar, fortunatamente nessuno è in pericolo di vita.

daniel domnar

Cinque organi di Stella Manzi sono stati donati a cinque bambini, tra cui una 11enne vicentina a cui è stato donato il fegato. Il cuore ha avuto come destinazione Napoli, i due reni Milano e i polmoni a Roma. Il governatore del Veneto ha ringraziato di cuore i genitori della bambina, che hanno dato la possibilità di salvare altre vite, nonostante il loro immenso dolore che porteranno per sempre nel loro cuore.

Ed inoltre si legge in una nota: “Preso atto di non chiedere l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti del carnefice della via Nettunese, il  vice presidente nazionale dell’Associazione Familiari e Vittime della strada, Giovanni Delle Cave Giovanni Delle Cave quale segno di indignata protesta, annuncia che fin dai prossimi giorni, persistendo questa inerzia, darà seguito allo sciopero della fame”.

Lascia un commento

Back to Top