HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Omicidi in FamigliaDaniele Grattini, uccide l’intera famiglia e poi si suicida

Daniele Grattini, uccide l’intera famiglia e poi si suicida

di

Daniele Grattini, 56 anni, ha ucciso la suocera, la moglie e la figlia per poi suicidarsi. La motivazione di tale dramma familiare avvenuto a Collegno, è probabilmente legata alla perdita del lavoro

Daniele Grattini, ex rappresentate di commercio, prima di togliersi  la vita ha così avvertito i carabinieri del gesto compiuto: “Venite, ho ucciso tutti: sono impazzito, sono pazzo, sono pazzo.” 

Pochi istanti dopo e lo sterminio di una famiglia volge al termine, Daniele Grattini dopo aver ammazzato la suocera, la moglie e la figlia, si toglie la vita sparandosi prima un colpo di pistola regolarmente denunciata dal padre e poi, dopo aver terminato i proiettili, pugnalandosi diritto al cuore con un coltello da cucina per poi morire in una pozza di sangue.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo avrebbe prima sparato alla suocera mentre riposava sul divano del soggiorno, poi avrebbe inseguito la moglie di 54 anni e la figlia di soli 21 anni, che erano appena tornate a casa dopo aver fatto la spesa per il cenone di Capodanno. Le due vittime hanno tentato invano di difendersi, ma i cinque proiettili sparati dalla pistola di Daniele Grattini non le ha risparmiate.

daniele grattini

Un omicidio-suicidio consumatosi tra le mura domestiche poco prima del nuovo anno, i soccorsi purtroppo non hanno potuto salvare nessuna delle tre vittime, nemmeno il suicida.

Un amico di Daniele ha raccontato: “Daniele era una persona mite, provata dalla presenza in casa dell’anziana suocera, che doveva assistere. Ma a preoccuparlo era soprattutto il lavoro”.

Daniele Grattini infatti, aveva perso improvvisamente il suo lavoro, era un responsabile e coordinatore dell’ufficio vendite delle linee bambino del noto marchio moda Benetton.

La disoccupazione, la paura di non trovare altri lavori, il timore di poter cadere in una forte crisi economica porta sempre più persone a compiere gesti folli come questo, coinvolgendo spesso l’intera famiglia.

Lascia un commento

Back to Top