HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiFemminicidioNewsDeborah Fuso, uccisa dal fidanzato: il papà chiede giustizia

Deborah Fuso, uccisa dal fidanzato: il papà chiede giustizia

di

Deborah Fuso è la 23enne che lo scorso 17 maggio è stata uccisa dal suo fidanzato, Arturo Saraceno. A parlare dopo mesi di dolore e silenzio è il padre Luigi, che spera tanto di ottenere finalmente giustizia per la figlia

Deborah Fuso è stata accoltellata fino alla morte dal fidanzato dopo una accesa lite avvenuta nella loro casa.

“Confido nella giustizia, per mia figlia: voglio avere fiducia, perché io sono una mina vagante e gli artificieri sono i giudici. Il dolore che ho provato, che proviamo noi tutti, è indicibile, non si può colmare. Fino ad oggi sono stato rispettoso, in silenzio, ma sono stanco. Mi aspetto giustizia, per mia figlia”.

Il rapporto padre – figlia tra Luigi e Deborah era davvero speciale. I due amavano cantare insieme, intonare la stessa canzone e divertirsi con poco. Il destino è stato però crudele con loro, perchè quei giorni spensierati e felici sono diventati soltanto un lontano ricordo.

Deborah Fuso e il compagno, di 10 anni più grande, avevano addirittura fissato la data delle loro nozze. I due si scambiavano messaggi d’amore, sembrava si amassero tanto, ma sarebbero stati alcuni dissidi tra la 23enne e la famiglia del fidanzato, a sgretolare man mano la loro storia.

Deborah e Arturo hanno iniziato a litigare, a lasciarsi e riprendersi più volte, fino a quel giorno in cui si erano incontrati per un nuovo chiarimento, finito nel sangue.

A distanza di qualche mese da quel tragico giorno, la settimana prossima il gip farà sapere la decisione presa riguardo la perizia psichiatrica e il rito abbreviato chiesto dall’avvocato Daniele Galati, secondo il quale in quel periodo Saraceno viveva in una situazione di forte stress.

Da: Ilgiorno.it

Lascia un commento

Back to Top