HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiAdriano Manesco: attese risposte dall’autopsia
adriano manesco

Adriano Manesco: attese risposte dall’autopsia

di

L’esame sul corpo del professor Manesco, ritrovato in un cassonetto a Lodi, stabilirà cause e ora del decesso. E spunta la testimonianza di un ragazzo che parla di complotto ai danni dei due accusati

adriano manescoSarà l’autopsia, in programma oggi, a fornire le prie risposte sull’atroce delitto di Adriano Manesco, il professore universitario ucciso a Milano e il cui cadavere è stato rinvenuto in un cassonetto a Lodi. Un delitto per il quale sono accusati due giovani piacentini, Paolo Grassi e Gianluca Civardi.

L’esame autoptico sarà determinante soprattutto per determinare l’ora del decesso e se si sia trattato di cause naturali, come ipotizza l’avvocato difensore di Grassi, Alessandro Stampais, così come se il professore prima di morire avesse assunto stupefacenti. Inoltre ci sono altri aspetti da verificare, a partire dalla possibile presenza di un quarto uomo come sostenuto dall’altro indagato, Gianluca Civardi.

A questa domanda proveranno a rispondere i rilievi nella casa del professore, disposti dal pm che si occupa del caso, Antonio Colonna. Si indaga sui possibili moventi, che potrebbero essere legati al denaro, ma anche a possibili altri personaggi sulla scena del delitto. E intanto spunta la testimonianza di un altro uomo che intervistato sulle colonne de ‘Il Giorno’ ha parlato di un pranzo avvenuto un anno fa sempre a casa del professore e al quale aveva partecipato insieme a Civardi e Grassi: “Appena abbiamo bevuto il caffè siamo stati male, abbiamo sentito caldo e Manesco ci ha invitato a spogliarci. Abbiamo invece preferito andarcene. Non sapevo che Paolo avesse tenuto i contatti con lui, non ne abbiamo più parlato. Se lui e Gianluca si trovano ora coinvolti in una storia simile è solo perché qualcuno li ha incastrati”.

Per il momento però gli elementi raccolti portano a loro. Ma forse il quadro sarà più chiaro domani, dopo l’interrogatorio di garanzia e la convalida dell’arresto davanti al gip Elena Stoppini.

Lascia un commento

Back to Top