HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
UltimissimeDelitto Albano Crocco: arrestato il nipote Claudio Borgarelli

Delitto Albano Crocco: arrestato il nipote Claudio Borgarelli

di

Claudio Borgarelli, nipote di Albano Crocco, era il principale sospettato per l’omicidio del cercatore di funghi. Incastrato da un’intercettazione.

albano-croccoClaudio Borgarelli, l’infermiere di 55 anni, sin dall’inizio delle indagini per la morte di Albano Crocco, era il principale sospettato. Oggi l’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio aggravato e premeditato, occultamento e sottrazione di cadavere. Ricordiamo infatti che il cercatore di funghi è stato decapitato e in questi giorni le ricerche della testa si erano estese anche alle discariche della zona.

Albano Crocco è stato ucciso l’11 ottobre 2016 nei boschi di Lumarzo. La svolta nelle indagini è arrivata dopo che gli inquirenti hanno intercettato Claudio Borgarelli che avrebbe detto di aver ucciso lo zio. Inoltre alcune immagini delle telecamere della zona hanno ripreso l’uomo che proprio il giorno dell’omicidio si è disfatto di tre sacchi di spazzatura in due cassonetti. Il movente è da ricercare nei rapporti tesi tra Crocco e il nipote. Borgarelli aveva discusso anche con altri abitanti di Lumarzo in merito al passaggio di auto e moto di cercatori di funghi in un sentiero che attraversa il su terreno. Il 55enne aveva persino recintato la zona ma ogni volta l’accesso veniva violato, e tra le persone che avrebbero fatto arrabbiare Borgarelli c’era anche Albano Cracco.

L’autopsia eseguita sul pensionato di 68 anni decapitato nei boschi mentre andava alla ricerca di funghi ha consentito di ricostruire la dinamica dell’omicidio. Albano Crocco è stato prima colpito con un fucile e quando era ancora vivo è stato decapitato. Prossimamente si conosceranno gli esiti delle perquisizioni effettuate negli scorsi giorni a casa del nipote Claudio.

Lascia un commento

Back to Top