HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDelitto di Castel San Pietro: fermato l’assassino dell’imprenditore Lanfranco Chiarini

Delitto di Castel San Pietro: fermato l’assassino dell’imprenditore Lanfranco Chiarini

di

Lanfranco Chiarini è stato ucciso con 30 coltellate lo scorso 4 gennaio. Per l’omicidio è stato fermato un uomo di nazionalità nigeriana richiedente asilo. È stato incastrato dalle telecamere.

Foto: Il Resto del Carlino

L’assassino dell’imprenditore 76enne Lanfranco Chiarini ucciso nella sua villa il 4 gennaio, è un uomo nigeriano di 25 anni. Desmond Newthing è stato ospite presso un centro di accoglienza poi sarebbe partito all’improvviso con la scusa di cercare un lavoro, ma è stato fermato a Rimini appena in tempo. Lanfranco Chiarini è stato ucciso con un arma taglio, forse un coltello da cucina, non ancora ritrovato. Dall’autopsia è emerso che l’imprenditore è stato colpito con 25 coltellate.

Le indagini si sono concentrate sui filmati delle telecamere di videosorveglianza. Intorno all’ora del delitto il nigeriano si è allontanato dalla villa di Lanfranco Chiarini a bordo della sua auto. La stessa è stata abbandonata e anche in quel caso il nigeriana è stato ripreso mentre proseguiva a piedi il suo cammino. Fondamentale l’analisi dei tabulati telefonici che, come riporta Il Resto del Carlino, ha permesso di restringere la rosa dei sospettati. Tra le prove a carico del nigeriano vi sarebbe infatti il numero di contatti telefonici con la vittima anche il giorno dell’omicidio e il fatto che la sua utenza non era raggiungibile proprio nell’orario dell’omicidio. Sono in corso tutti gli accertamenti per la ricostruzione dell’omicidio, Newthing è stato interrogato a lungo in caserma ma non ha fornito alcuna spiegazione o un alibi.

La principale pista investigativa è quella di un incontro a sfondo sessuale degenerato in lite e omicidio. Oltre all’auto dell’imprenditore era stato portato via un borsone con mille euro in contanti.

Lascia un commento

Back to Top