HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitto di Garlasco: sono passati 8 anni dalla morte di Chiara Poggi
chiara poggi

Delitto di Garlasco: sono passati 8 anni dalla morte di Chiara Poggi

di

Il 13 agosto del 2007, Chiara Poggi è stata trovata morta in una pozza di sangue all’interno della sua villetta a Garlasco, in provincia di Pavia. Ad ucciderla è stato il fidanzato, Alberto Stasi.

alberto stasiOtto anni dopo l’omicidio di Chiara Poggi, i giudici della Corte d’Assise d’Appello nel processo d’appello bis il 17 dicembre del 2014 hanno condannato Albero Stasi, il fidanzato, a 16 anni di carcere con la seguente motivazione: «Alberto Stasi ha brutalmente ucciso la fidanzata, che evidentemente era diventata, per un motivo rimasto sconosciuto, una presenza pericolosa e scomoda, come tale da eliminare per sempre dalla sua vita di ragazzo per bene e studente modello, da tutti concordemente apprezzato». Lo studente bocconiano ora attende l’inizio del processo in Cassazione il prossimo 11 dicembre che potrebbe sancire la fine della vicenda giudiziaria che lo ha visto coinvolto in cui ci sono state due assoluzioni e un annullamento. La famiglia di Chiara Poggi ha chiesto a Stasi un risarcimento di 1 milione di euro ma i difensori del ragazzo hanno presentato un ricorso perché ritengono la sentenza “viziata” e “costellata da macroscopiche violazioni sia dei diritti fondamentali dell’imputato che della delle processuale penali”.

Intanto una delle notizie degli ultimi giorni è che Alberto Stasi ha perso il lavoro a causa di quella sentenza. I clienti dello studio commercialista dove lavorava si sono lamentati con i titolari perché non volevano avere a che fare con un assassino. La vicenda dovrebbe chiudersi nel 2016, e sino ad allora Alberto Stasi potrebbe rimanere disoccupato.

L’omicidio di Chiara Poggi ha occupato molte pagine di cronaca nera ed è sempre stato avvolto nel mistero. I giudici sono convinti che uno dei motivi che abbia spinto Stasi ad uccidere la ragazza sia la scoperta del suo interesse verso la pornografia. Il giovane si è sempre proclamato innocente definendosi vittima di un errore giudiziario. In questa storia però l’unica vittima è solo Chiara Poggi.

Lascia un commento

Back to Top