HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
UltimissimeDelitto di Seriate: Gianna Del Gaudio aveva detto alle amiche che a volte il marito era violento

Delitto di Seriate: Gianna Del Gaudio aveva detto alle amiche che a volte il marito era violento

di

Si aggrava la posizione di Antonio Tizzani, indagato a piede libero per l’omicidio della moglie Gianna Del Gaudio. Dopo l’acquisizione delle cartelle cliniche le testimonianze delle amiche in esclusiva su Giallo.

Gianna del GaudioGianna Del Gaudio aveva confessato alle sue amiche che il marito a volte era un uomo violento e irruento. Antonio Tizzani però continua a dire di essere innocente e che appena verrà fuori la verità più di qualcuno dovrà chiedergli scusa. Alla luce dei referti medici degli ultimi due anni le dichiarazioni dell’ex professoressa in pensione uccisa nella notte tra il 26 e il 27 agosto però assumono un significato diverso. Gianna Del Gaudio non aveva mai sporto denuncia e aveva sempre parlato di incidenti domestici. Dalle radiografie però sembrerebbe che fosse stata picchiata in passato.

La testimonianza delle amiche di Gianna Del Gaudio riportate dal settimanale Giallo accostata a quelle della sera del delitto gettano nuove ombre. I vicini di casa infatti hanno raccontato che Gianna e Antonio poco dopo la mezzanotte hanno sentito i coniugi litigare. Gianna urlava ma la sua voce era coperta da quella del marito. Poi il silenzio. La versione di Antonio Tizzani continua a non convincere gli inquirenti, ci sono infatti troppe contraddizioni. Sempre su Giallo di questa settimana c’è una ricostruzione sommaria che parte dalle ore 23,50 quando il figlio maggiore di Gianna Del Gaudio e la sua fidanzata sono tornati a casa dopo aver cenato insieme. Poi ci sono le urla sentite dai vicini intorno a mezzanotte e il silenzio alle 00,20 circa. Antonio Tizzani ha chiamato il figlio Mario alle 00,43. Che cosa è successo in quei 25 minuti?

La risposta potrebbe arrivare presto grazie ai risultati dei test eseguiti sulla borsetta di Gianna Del Gaudio dove sono state rinvenute tracce di sangue e ancora sui vestiti di Antonio e sulle impronte in casa. L’arma del delitto non è stata trovata per questi sono stati sequestrati i coltelli da cucina. Anche dell’uomo incappucciato non c’è traccia, le telecamere in piazza non hanno ripreso alcun passaggio anomalo, quelle posizionate nel retro dell’abitazione invece non sono funzionanti.

Lascia un commento

Back to Top