HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitto Dina Dore: riaperta l’istruttoria in appello, convocati i genitori di Contu

Delitto Dina Dore: riaperta l’istruttoria in appello, convocati i genitori di Contu

di

Riaperta l’istruttoria sul caso dell’omicidio di Dina Dore. Il 7 novembre saranno ascoltati come testimoni i genitori di Pierpaolo Contu. Colpo di scena nel processo per la morte di Dina Dore.

Francesco Rocca, accusato dell'omicidio della moglie Dina DoreLa Corte d’Assise d’appello di Sassari oggi ha deciso di riaprire l’istruttoria ammettendo come testimoni i genitori di Pierpaolo Contu, l’esecutore materiale dell’omicidio. Dina Dore è stata assassinata nel garage della sua abitazione a Gavoi il 26 marzo del 2008, il marito Francesco Rocca, considerato il mandante è stato già condannato all’ergastolo in primo grado. La prossima udienza del processo d’appello è fissata per il 7 novembre 2016.

Dopo tre ore di camera di consiglio è arrivata la nuova ordinanza che ha lasciato insoddisfatti i legali di Francesco Rocca. Gli avvocati, come riporta La Nuova Sardegna, hanno dichiarato che «Restano fuori da questa nuova fase istruttoria i grandi accusatori di Rocca, ma anche elementi di evidenza scientifica che non sono mai stati presi in considerazione sebbene ritenuti fondamentali dai nostri periti». Negli scorsi giorni la difesa di Rocca ha cercato di dimostrare che l’omicidio di Dina Dore sarebbe maturato in un altro contesto.

I difensori sostengono che la donna è morta perché qualcosa è andato storto nell’esecuzione di un altro reato, come un sequestro di persona o un furto d’armi. La verità raccontata nella trasmissione Amore Criminale però è un’altra. I processi non si celebrano in televisione ma il dentista di Gavoi è stato protagonista di alcuni episodi che lo inchiodano alle sue responsabilità. Eppure, sempre per il legale, sarebbe stato vittima di una serie di depistaggi e rivolge un’accusa diretta a Stefano Lai. A quattro anni dall’omicidio di Dina Dore, l’uomo avrebbe raccolto la confessione di Contu, condannato a 16 anni con sentenza definitiva.

Lascia un commento

Back to Top