HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsElena Ceste: ecco le testimonianze e gli indizi a confronto
elena ceste--

Elena Ceste: ecco le testimonianze e gli indizi a confronto

di

Non sempre i cani molecolari  hanno trovato le persone scomparse. Ma prendiamo l’esempio di quelli impegnati  nella ricerca di Elena Ceste. Hanno appena annusato i vestiti e le pantofole di Elena. La loro direzione è a sinistra, in salita verso Santa Margherita. Il corpo di Elena verrà ritrovato nella direzione opposta, verso Isola D’Asti.

elena ceste--Perchè i cani non fiutano questa direzione? Perchè Elena è nascosta oppure occultata? Ma se Elena si è avviata nuda verso il luogo in cui l’hanno ritrovata: perchè i cani non sentono il suo odore? E soprattutto i cani possono annusare l’odore di una persona chiusa nel portabagagli?

I cani, invece, la annusano nella direzione sbagliata e proseguono fino ad arrivare alla chiesa. Elena c’era stata due giorni prima della scomparsa per presenziare ad un rosario. Eppure, un misterioso testimone aveva mandato un sms anonimo dicendo di aver visto Elena strattonata dal prete verso la Chiesa.

Il prete in questione è Don Roberto. La sua Chiesa, però, non è quella di Santa Margherita, ma bensì quella della frazione di Motta, situata nel centro città. E’ la chiesa in cui Elena e il marito hanno fatto battezzare i figli, e questi ultimi vanno a catechismo. La famiglia di Elena frequenta tutte e due le chiese: il mercoledì il rosario a Santa Margherita. La domenica la messa a Motta.

Con chi si confida Elena? La donna si sfoga con il parroco di Santa Margherita o con quello di Motta? Ed è qui che si confida: Don Roberto è il suo confessore. E’ lo steso prete a smentire per ben due volte il marito di Elena. La prima riguarda i problemi che Elena stava affrontando: Michele dice di non sapere nulla, ma Don Roberto dice il contrario.

L’amico di Elena (con il quale aveva ripreso i contatti tempo addietro su Facebook), durante una telefonata con l’inviata di Chi l’Ha visto ammette che la donna aveva timore di essere spiata. Il dubbio sorge spontaneo: è possibile che Michele sapesse dei messaggi di Elena? Esiste un sistema che mandi i messaggi sia sul suo cellulare che su quello del marito?

Michele, il giorno della scomparsa, se la prende con due uomini: uno è l’amico di facebook, mentre l’altro è un vicino di casa. Le ricerche proseguono: il sabato ancora non si sa nulla di Elena. Sono tutti preoccupati perchè la donna vaga nuda nella zona. Michele, vigile del fuoco, va personalmente a cercarla. E’ possibile che in questo modo svii le ricerche?

Passa un giorno: è domenica ed Elena non è ancora tornata. Potrebbe arrivare una telefonata improtante, ma Michele non rinuncia ad andare a messa. Porta i 4 figli come sempre in chiesa. Perchè?

E poi ci sono le incongruenze sul ritrovamento degli occhiali: Michele dice di averli trovati dopo vicino al cancello, ma il prete afferma che durante lo sfogo dell’uomo, quest’ultimo dice di averli trovati tra i vestiti. Il marito di Elena Ceste sta nascondendo qualcosa?

(Fonte Chi l’Ha Visto)

Lascia un commento

Back to Top