HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsDelitto di Garlasco: Marco Poggi smentisce Andrea Sempio? Gli aggiornamenti del caso

Delitto di Garlasco: Marco Poggi smentisce Andrea Sempio? Gli aggiornamenti del caso

di

Chi ha ucciso Chiara Poggi? Tra il nuovo indagato, verbali e vecchi interrogatori, le novità sul delitto di Garlasco sembrano non avere mai fine

Il fratello di Chiara, Marco Poggi, avrebbe smentito ciò che avevano sostenuto la mamma della vittima e il papà di Andrea Sempio, il nuovo indagato. I due avrebbero infatti detto che Sempio, all’epoca dell’omicidio, non sarebbe mai entrato nella villetta della famiglia Poggi.

Al contrario, il fratello della vittima, durante un interrogatorio dell’ottobre del 2007, raccontò di rimanere spesso a casa proprio con Andrea Sempio: “Si portava nella mia abitazione e rimanevamo nella saletta della televisione ubicata al piano terra oppure salivamo al primo piano all’interno della camera da letto di Chiara per utilizzare il suo computer”.

Per ora resta ancora il mistero sulla bicicletta nera vista il giorno dell’omicidio di Chiara Poggi. Un testimone raccontò di aver visto nei pressi della villetta una figura sospetta: “La mattina in cui la Chiara è morta io ero proprio lì, a pochi metri da casa sua e ho visto il suo assassino, ne sono certo: era in strada, fermo davanti alla villa dei Poggi, sopra una bicicletta nera, piegato come se controllasse la gomma della ruota davanti. L’ho visto di schiena. Era vestito di scuro. E sì, ora lo posso dire: per me, era una donna”.

In quel periodo, secondo alcune indiscrezioni, Andrea Sempio portava i capelli lunghi, cosa che avrebbe potuto confondere il testimone, ma non solo. Nell’ottobre del 2008, i genitori e il fratello della vittima avevano elencato ai carabinieri di Vigevano le persone che si recavano solitamente da loro a bordo di una bicicletta. Oltre ai cognati, Ermanno Cappa e Maria Rosa Poggi, c’erano quattro amici di Marco ed uno di questi era proprio Andrea Sempio.

Intanto, la mamma di Alberto Stasi ha voluto lanciare un appello agli investigatori: “Fate accertamenti dovuti il più in fretta possibile, perché mio figlio rimane in prigione da innocente“.

Lascia un commento

Back to Top