HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsDelitto di Garlasco: “Sulle unghie di Chiara un Dna perfetto. E’ di Andrea Sempio”

Delitto di Garlasco: “Sulle unghie di Chiara un Dna perfetto. E’ di Andrea Sempio”

di

Parla al settimanale Giallo la famosa genetista Marina Baldi, la quale ha studiato e confrontato i dati scientifici sul caso di Chiara Poggi. Per l’esperta non ci sarebbero dubbi: quello sotto le unghie della vittima è un Dna perfettamente confrontabile

Il Dna analizzato sotto le unghie di Chiara Poggi, secondo la genetista Marina Baldi, può essere perfettamente confrontato con quello di Andrea Sempio, il ragazzo finito sotto inchiesta che all’epoca dei fatti frequentava la casa Poggi perchè amico di Marco, il fratello della vittima.

Il parere della genetista, esterna alle indagini, potrebbe nuovamente mettere in dubbio tutto. Questo ovviamente non significa confermare eventuali responsabilità di Andrea Sempio, ma così facendo potrebbero essere presi in considerazione nuovi elementi utili alle indagini.

La genetista Baldi è certa di quello che afferma e le sue parole smentirebbero dunque l’accusa, per la quale, ricordiamo, quel Dna non era utilizzabile: “In ogni caso, indipendentemente dal valore probatorio che tale riscontro può avere, ricordiamo che il Dna sotto le unghie è di normale reperimento in qualsiasi individuo, anche se dal punto di vista puramente tecnico ritengo che quello analizzato nella perizia De Stefano sia ampiamente utilizzabile per un confronto”.

“Ritengo comunque che il processo per il delitto di Chiara ha già un suo colpevole con sentenza passata in giudicato, che deve quindi essere rispettata, basata su molti altri fatti che sono chiaramente spiegati nelle motivazioni per me del tutto condivisibili”, ha concluso l’esperta.

Insomma, l’esperta non ha intenzione di puntare il dito contro il nuovo indagato e nemmeno di difendere Alberto Stasi. La genetista ha voluto semplicemente chiarire quanto detto sul Dna negli ultimi tempi e confermare i risultati ottenuti dalle analisi.

Lascia un commento

Back to Top