HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDelitto Gloria Rosboch: la madre contro Gabriele Defilippi ‘Si finge pazzo’

Delitto Gloria Rosboch: la madre contro Gabriele Defilippi ‘Si finge pazzo’

di

Gabriele Defilippi vuole ottenere uno sconto di pena, ne è certa la madre di Gloria Rosboch che al settimanale Giallo lo ha definito ‘Bugiardo assassino’, il ragazzo ha persino cercato di mettersi in contatto con la famiglia per chiedere perdono.

«Ci chiedono scusa? Hanno ammazzato mia figlia! Farebbero meglio a spararsi entrambi. Per Gabriele e Obert provo un odio mortale. Sa dove lì vorrei vedere? In fondo a quel pozzo buio dove hanno gettato la mia Gloria». Con queste dure parole pronunciate da Marisa Mores, si apre il nuovo approfondimento di Giallo dedicato all’omicidio di Gloria Rosboch, la professoressa di Castellamonte uccisa il 13 gennaio 2016. In occasione del processo, la madre e il padre della 49enne gettata nel pozzo si sono trovati faccia a faccia con Gabriele Defilippi e Roberto Obert. Il giovane ex studente di Gloria le aveva fatto credere di essere innamorato e le aveva sottratto una cospicua somma di denaro con la promessa di una nuova vita in Costa Azzurra. Quando la Rosboch aveva scoperto che era stata truffata aveva denunciato il 23enne. Gloria Rosboch era diventata ‘scomoda’ così Defilippi con la complicità di Obert ha deciso di ucciderla.

Gabriele Defilippi ha chiesto di essere sottoposto a perizia psichiatrica per dimostrare che quando ha compiuto l’omicidio non era in grado di intendere e di volere. Per l’accusa però questa è una strategia, la personalità dell’imputato infatti non altera tali capacità, e Gabriele vuole solo ottenere uno sconto di pena. Il ragazzo è apparso anche molto diverso rispetto al passato, i lunghi capelli biondi sono solo un ricordo, e non indossa più nemmeno le lenti a contatto azzurre. L’omicidio è stato premeditato con freddezza, anche se oggi il giovane ha cercato di chiedere scusa. La famiglia però, come avete letto, non ha alcuna intenzione di cedere. Il 19 febbraio i due anziani genitori di Gloria Rosboch si recheranno sul luogo in cui è stato abbandonato il cadavere della professoressa, una cisterna in una discarica a Rivara.

Tornando al processo, Gabriele Defilippi e Roberto Obert hanno scelto la strada del rito abbreviato che garantisce lo sconto di 1/3 della pena in caso di condanna. Tra gli imputati c’è Efisia Rossignoli, una loro amica che si sarebbe finta direttrice di banca per velocizzare il versamento dei soldi che Gabriele aveva chiesto a Gloria. La donna ha scelto di patteggiare ma il procuratore vuole prima ascoltarla anche se non ha avuto un ruolo chiave nell’omicidio. A processo anche Caterina Abbattista, madre di Gabriele Defilippi con l’accusa di concorso in omicidio che ha scritto una lettera di scuse ai genitori di Gloria Rosboch in cui si dichiara responsabile come genitore ma innocente rispetto alla morte della donna.

Lascia un commento

Back to Top