HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDelitto Isabella Noventa: il trio diabolico aveva pianificato tutto?

Delitto Isabella Noventa: il trio diabolico aveva pianificato tutto?

di

Il settimanale Giallo ha pubblicato in esclusiva il testo degli sms che si scambiavano Freddy Sorgato, la sorella Debora e Manuela Cacco. La prova che il trio diabolico aveva pianificato il delitto della povera Isabella Noventa.

Isabella Noventa era perseguitata dal trio diabolico. La segretaria 55enne di Albignasego, in provincia di Padova, aveva inviato un messaggio a Freddy Sorgato chiedendogli di avvisare la sorella e le amiche che la loro relazione si era interrotta. Su Giallo n. 13 sono riportati alcuni dei messaggi, ma sono almeno centinaia, tutti inseriti all’interno del fascicolo d’inchiesta sulla morte della donna. Gli investigatori infatti li considerano delle prove molto importanti che assumeranno ancora più rilevanza quando il prossimo 9 maggio inizierà il processo.

Il rapporto tra Freddy e Isabella Noventa non era idilliaco e fatto di alti e bassi, le cose sono cambiate quando Sorgato ha iniziato una relazione parallela con la tabaccaia Manuela Cacco. Al ballerino la situazione è sfuggita di mano perché non riusciva a fare il doppio gioco con le sue donne. La Cacco innamoratissima di Sorgato chiede aiuto alla sorella Debora per mettere Isabella in cattiva luce e inventa che sia coinvolta in affari illeciti e che la Noventa era solo interessata ai suoi soldi. Nelle settimane precedenti il delitto lo scambio di messaggi tra Freddy e Manuela diventa molto intenso sino ad arrivare al 23 dicembre 2015 quando la Cacco gli scrive: «È meglio che tu decida: o me o lei. Io non ce la faccio più». E solo una settimana prima dell’omicidio di Isabella Noventa, Freddy rassicura la tabaccaia: «Ti amo, porta pazienza ancora per poco…».

Ma non ci sono solo i messaggi, in quei giorni infatti Freddy faceva pedinare Isabella da Manuela per studiare tutti i movimenti. La Cacco scriveva anche come era vestita facendo pesanti commenti sulla rivale. Manuela non era l’unica che spiava di nascosto la Noventa, Sorgato aveva ingaggiato anche un investigatore privato. Ma non è detto che fosse solo per pianificare nei dettagli il delitto, piuttosto, secondo noi, era accecato dalla gelosia. Isabella Noventa era una bella donna, con un corpo invidiabile e con molti ‘corteggiatori’. I poveri resti della 55enne però non sono mai stati trovati, la notte tra il 15 e 16 gennaio è stata attirata in una trappola mortale.

Lascia un commento

Back to Top