HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitto Mauro Rostagno: accusa per Vito Mazzara

Delitto Mauro Rostagno: accusa per Vito Mazzara

di

Si riapre il caso di Mauro Rostagno assassinato alla giovane età di 46 anni in Sicilia dalla mafia siciliana

Dopo 3 anni dall’avvio del processo per il delitto Mauro Rostagno, una perizia sull’arma del delitto accusa Vito Mazzara, ergastolano legato alla famiglia mafiosa di Vincenzo Virga, già ritenuto il presunto assassino del giovane di 25 anni. Le perizie tecniche, coordinate dagli esperti biologi De Simone e Carra, saranno depositate dalla Corte di Assise di Trapani il prossimo 26 Febbraio.

Mauro RostagnoIl dna rinvenuto sul fucile calibro 12 usato per uccidere Mauro Rostagno presenta forti legami con quello di Vito Mazzara. L’arma, che dopo il colpo si spezzò era già stato oggetto di numerose perizie balistiche. Proprio da altre sentenze e dalla compatibilità dei bossoli con altri delitti attribuiti a Mazzara, gli inquirenti sono stati in grado di ricostruire le impronte genetiche che incastrerebbero l’assassino. Proprio sulle incongruenze delle prove basilistiche, si fondava la difesa dei legali di Mazzara, un consulente di parte, l’ex capo dei Ris di Parma, Luciano Garofano, era infatti stato chiamato a testimoniare sulle vicenda davanti alla Corte. Il caso sembra quindi chiaro agli inquirenti. Si tratta di un delitto di mafia riconducibile ad ordini provenienti dalla famiglia belicina di Don Ciccio Messina Denaro. Mauro Rostagno, giornalista della tv privata Rtc, era diventato un problema per la famiglia e cosi si decise di eliminarlo il 26 Settembre 1988.

Già killer di altri delitti, Mazzara aveva infatti il compito di eseguire gli ordini provenienti dal capo Vincenzo Virga, referente diretto di Messina Denaro. L’omicidio di un agente della polizia penitenziaria, avvenuto come “regalo” per i boss detenuti, fece incolpare nel 95 Mazzara. Sul caso Rostagno, riaperto solo 22 anni dopo l’omicidio, l’impegno dell’ex capo della squadra mobile Linares e di un poliziotto, Nanai Ferlito, che dopo indagini malfatte e vari depistaggi, hanno richiesto ed ottenuto i confronti balistici arrivando alla prova del dna.

Per approfondire:
http://it.wikipedia.org/wiki/Mauro_Rostagno

Lascia un commento

Back to Top