HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsDelitto di Pordenone: Ruotolo il giorno dell’omicidio aveva le mani in tasca per nascondere l’arma

Delitto di Pordenone: Ruotolo il giorno dell’omicidio aveva le mani in tasca per nascondere l’arma

di

ruotoloUn nuovo particolare aggrava ulteriormente la posizione di Giosuè Ruotolo, l’ex militare indagato per il duplice omicidio di Trifone e Teresa

Un piccolo particolare non sarebbe sfuggito agli esperti i quali, ricostruendo con Giosuè Ruotolo la sera del delitto di Trifone e Teresa, si sono accorti di una stranezza, che potrebbe rivelare una grande verità.

A spiegare il tutto al settimanale Giallo è stata la mamma di Trifone: “Se ci fosse ancora bisogno di ulteriori elementi per dimostrare che mio figlio Trifone e la sua fidanzata sono stati uccisi proprio da Giosuè, basterebbe riguardare i fotogrammi del video in cui il presunto assassino ricostruisce con gli inquirenti la drammatica sera del delitto. Ruotolo, durante gli interrogatori, aveva detto che la sera del 17 marzo 2015 si era recato al laghetto di San Valentino per allenarsi. Quando, alcuni mesi dopo, gli inquirenti lo hanno portato lì e lo hanno filmato, lui si è messo a correre per ricostruire la scena. Ma ai pubblici ministeri non è sfuggito un particolare strano: Giosuè correva con le mani in tasca! Uno di loro glielo ha fatto notare e lui ha risposto: ‘Si, anche quella sera ho corso con le mani in tasca, poi le ho tolte'”.

Perchè Giosuè correva con le mani in tasca? Secondo gli esperti, il militare “aveva le mani in tasca perchè, la notte del delitto, nascondeva la pistola che di lì a poco avrebbe gettato nel laghetto”.

E’ per questo che la mamma di Trifone chiede a Ruotolo di dire finalmente la verità: Deve smetterla di prenderci in giro. Deve avere il coraggio di dire la verità e assumersi tutte le responsabilità per quello che ha fatto. [..] Non solo ha ucciso due ragazzi innocenti, ma ha ucciso anche noi genitori, che da quella maledetta sera non troviamo più pace”.

Lascia un commento

Back to Top